Una voce poco fa
9 Ottobre Ott 2012 1217 09 ottobre 2012

Lacrime, sangue e chiusure anticipate: così finisce il 2012 della carta stampata

Agitazione, tanta, ai piani alti dei gruppi editoriali che editano i principali quotidiani italiani. I dati della pubblicità segnano una picchiata senza fine, le vendite in edicola nella migliore delle ipotesi arrancano, ed è il momento delle scelte. “Scelte di razionalizzazione, di taglio dei costi, di diversa organizzazione” dice chi siede a quei tavoli. 
Per i colossi della carta (Corriere, Repubblica, Stampa e Sole24ore) le ricette che girano sono in fondo condivise: chiusura anticipata alle 22, diminuizione della foliazione e rifocalizzazione sul digitale e il multimediale.

La ricetta dunque è la stessa per tutti? Pare proprio di sì, e sembra che il sole24ore sia quello più avanti del processo. L’editoriale di Confindustria, nonostante le comprensibili riluttanze della direzione, sta spingendo in questa direzione e - lascia intendere - arriverà prima a una serie di misure (anzitutto la chiusura anticipata alle 22) che il Corriere della Sera aveva già varato ma che non sono ancora diventate operative. E mentre ai piani alti dei giornali qualcuno guarda indietro e pensa a quando (meno di 10 anni fa) la pubblicità valeva 20 volte, c’è chi si chiede come mai il più lento, a muovere, è proprio il quotidiano di Via Solferino che si trova adesso impigliato (tra l'altro) in una faticosa trattativa sindacale che riguarda gli integrativi salariali per i giornalisti. Eppure al Corriere sembra non esserci mai fretta... Hanno già trovato l'acquirente, si chiede malizioso qualcuno? Altri, ancora più maliziosamente, annotano che l'immobilismo in Rcs è malattia risalente: e senza che ci sia mai stato un compratore...

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook