Calcio in faccia
10 Ottobre Ott 2012 1310 10 ottobre 2012

Scommettiamo Che?

Scommettiamo che il calcio non torna pulito. Almeno non nel giro di poco. Abbiamo scoperto l'altro giorno che un sito francese dava per “acquistata” la partita Livorno-Spezia, finita 1-5 contro ogni previsione. I cugini d'oltralpe non hanno potuto fare a meno di parlar di mafia. Ci mancava solo ci chiamassero Macaronì. Però forse qualche ragione i galletti ce l'hanno. Basta scorrere la classifica del campionato di serie B. E' un florilegio di asterischi di fianco ai nomi delle squadre di calcio. Non ce li ha certo messi un grafico creativo che si ricordava delle greche delle scuole elementari. Le squadre con asterisco, 10 su 22 per la precisione, sono quelle che hanno subito delle penalizzazioni per la questione del calcio scommesse. Sono Varese, Bari, Modena, Padova, Ascoli, Novara, Reggina, Crotone, Empoli e Grosseto. Ce n'è abbastanza per chiudere la baracca insomma. Se sommiamo i punti di penalità si arriva a 23 in tutto. Non è questo il luogo per ripercorrere tutte le questioni processuali, che come dicono i nostri politici hanno il loro corso. Ma almeno ci si può chiedere il perchè il calcio scommesse abbia raggiunto una tale portata. Qualche giorno fa Rai Sport ha riproposto il servizio di una trasmissione sportiva in cui un giornalista, con aria da funerale, raccontava degli undici arresti, alla fine delle partite, per il calcio scommesse. Nonostante l'espressione funerea si lasciava andare a una piccola ironia dicendo:”Pensate con questi calciatori ci si può fare una squadra di calcio”. In effetti negli ultimi anni i calciatori scommettitori sono aumentati, forse a causa della panchina lunga. Oggi di squadre se fanno tre. La serie B è la più colpita, stando alle penalizzazioni, forse per questo da quest'anno si chiama Serie Bwin

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook