Gemma Musicco
A metà tra la terra e il cielo
14 Ottobre Ott 2012 1155 14 ottobre 2012

D'Avenia ai ragazzi: scoprite la madreperla dentro di voi

È tra i libri più venduti parlando di cose che nessuno sa. Riccioli biondi e occhi profondi d’azzurro, Alessandro D’Avenia, trentacinque anni, insegnante e scrittore, incanta i giovani con i suoi primi due romanzi Bianca come il latte, rossa come il sangue (2010) e Cose che nessuno sa (2011).

Un successo che si spiega leggendo i suoi libri, pagina dopo pagina. Storie di adolescenti, con le stesse paure, gli stessi sogni e la stessa voglia di scrivere la propria vita. Storie sempre esistite in attesa di essere raccontate. Storie in cui ritroviamo parte di noi, in un intreccio di amore e dolore.

Ed è proprio con la sofferenza che deve fare i conti Leo, sedicenne alle prese con il liceo classico e giornate dal sapore di asfalto polveroso a scuola, protagonista di Bianca come il latte, rossa come il sangue. Sarà il supplente di storia e filosofia a fargli riscoprire la bellezza dei sogni, credere in sé stesso e scrivere la sua storia. Perché quando scopre che Beatrice, il suo più grande sogno, è malata di leucemia allora tutto sembra cadere a pezzi. E ti chiedi perché c’è il dolore, la morte, a che cosa serve sognare se poi tutto crolla, e dov’è Dio in tutto questo: domande che sono sempre state dentro di noi e a cui Leo trova la sua risposta alla fine del romanzo.

Crede nei sogni, D’Avenia, ma prima di tutto negli adolescenti. Parla dei giovani per come sono veramente e soprattutto parla col cuore. Perché fa sognare insegnandoci che una vita senza sogni è un giardino senza fiori, ma una vita di sogni impossibili è un giardino di fiori finti. Lo sanno bene i suoi lettori, che in tantissimi lasciano commenti, ringraziamenti e pensieri sulla sua bacheca di Facebook. Non è tra quelli che classificano i ragazzi tra alcol e droga: lui, D’Avenia, vede nei suoi alunni la madreperla che diventeranno, proprio come una splendida perla fiorisce nell’ostrica in seguito all’attacco di un predatore marino. Perché questo è il segreto del dolore: sa dove si nasconde la vita e se ne nutre per farle crescere le ali. Ragazzi pieni di coraggio e voglia di cambiare il mondo: lo sa bene il nostro scrittore che deve fare i conti con studenti sedicenni in un liceo milanese.

Storia, questa, che è poi quella di Margherita, quattordicenne protagonista delle vicende del secondo romanzo Cose che nessuno sa. Perché quando suona la campanella della prima liceo, con tutta la sua magia, attesa e paura, suo papà annuncia che non tornerà più a casa? Perché succede tutto questo? Sono cose che nessuno sa. Margherita parte così alla ricerca del padre come fece Telemaco spronato dalla dea Atena.

Sentire e leggere queste cose è forse quello di cui più abbiamo bisogno in un periodo di crisi e di rinunce come quello attuale. Perché sono i sogni che ti fanno credere in grande, è il dolore che se all’inizio inspiegabile si schiude poi alla bellezza e sono le domande a farti percepire il mistero della vita. Soprattutto se dietro a tutto questo c’è quell’attrazione senza fine che move il sole e l’altre stelle: l’amore.

“Così è l’amore. Comincia con un mistero e la risposta da dare a quel mistero è il segreto della sua duratura. La luce oscura di quel mistero abbracciava tutto, e per lei, per la prima volta da quando suo padre se n’era andato, non si sentì sola.” (Cose che nessuno sa)

www.ilblogletterario.com

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook