Vito Kappa
Kahlunnia
16 Ottobre Ott 2012 0857 16 ottobre 2012

Biscotti ebraici “cotti dentro i forni a gas” (AGGIORNATO!)

Scandalo in Danimarca. “Biscotti ebraici - cotti dentro i forni a gas”. La brutale provocazione arriva da un supermercato danese che, in prossimità del Natale, pubblicizza questo prodotto con tanto di “Buon Natale”.

Dall'azienda danese è appena giunta una presa di posizione netta e poco equivocabile:

Siamo profondamente shokkati per quanto accaduto e il nostro team è in contatto con COOP per scoprire se si tratti di un incidente isolato commesso da un assistente/stagista, o se invece si tratti di un tentativo di manipolare la nostra immagine aziendale.

In nessuna circostanza permettiamo che i nostri prodotti siano commercializzati in questo modo.

Condanniamo con forza quanto avvenuto e le torte natalizie Karen Volf's non possono essere in alcun modo comparate con lo sterminio degli ebrei durante la seconda guerra mondiale.

Venlig hilsen/Kind regards

Oggi, 69 anni dopo la deportazione da Roma di 1023 ebrei (solo 16 tornarono), sono questi i "bocconi amari" – passatemi il termine – che deve buttar giù chi è ebreo. Ma questa, in fondo, è solo una briciola dell'antisemitismo odierno.

“Il silenzio di chi può protestare equivale al silenzio” – Ovadia Sforno.

Vito Kahlun

Su Fb: Vito Kappa

Su Tw: @vitokappa

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook