Banana Markets
19 Ottobre Ott 2012 0932 19 ottobre 2012

Alla banca vaticana piacciono i titoli di Stato italiani

Il Vaticano è patriottico. Tanto che lo Ior, la banca della Santa Sede, investe in titoli di Stato italiani e spagnoli, ma anche nelle aziende farmaceutiche svizzere, tradizionalmente anticicliche. Niente valute emergenti, niente titoli cinesi, nessun strumento derivato. Secondo quanto dicono a Linkiesta alcune fonti, su una gestione patrimoniale di un cliente, che ammonta a 400mila euro, il grosso è impiegato, per l’appunto, nel debito sovrano europeo e in pochi grandi big farmaceutici, che non riservano sorprese. D’altronde, dietro alle spesse mura del Torrione Niccolò V le sorprese sono sgradite: i soldi si depositano per nasconderli, non certo per farli fruttare. In altre parole per bloccarli. Accettando di buon grado, quindi, che l’allocazione degli attivi sia inefficiente. 

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook