Cazza la randa
20 Ottobre Ott 2012 1727 20 ottobre 2012

Caro Serra: come è dalemiana la sua lettera a Bersani

Egregio Serra,

fino a qualche giorno fa io non sapevo neppure della Sua esistenza. Molto probabilmente perché il suo mondo non mi ha mai affascinato. Preferendovi quello di chi, in questo paese e non su altri lidi, ha dedicato la propria vita ed il proprio ingegno per produrre ricchezza vera. Alludo a coloro che fanno uscire dalle proprie fabbriche manufatti ed idee invidiati nel mondo, che danno occupazione, che sfornano brevetti, che investono in ricerca. E che, completamente abbandonati da questa classe politica cialtrona, nuova e vecchia, lottano contro la finanziarizzazione dell'economia. Per difendere con i denti l'idea per cui una nazione priva di una solida ossatura economica fondata sull'industria è destinato, presto o tardi, a schiantarsi contro un muro.

A me frega poco che Lei lavori pulito, che Lei si sia laureato presto, che Lei e la Sua famiglia vi facciate il mazzo. Converrà che ciò è grosso modo quello che fanno milioni di suoi ex concittadini.

Mi pare che la Sua lettera offra invece altri interessanti spunti di riflessione.

Innanzitutto è un gran brutto biglietto da visita. Naturalmente per chi, come me, non ha avuto la ventura di conoscere Lei e non ha confidenza con il suo mondo. Perchè la sua missiva, scritta d'impeto e sull'onda di sentimenti non governati a dovere, trasuda di rancore e collera. Per cosa, poi? Per una semplice battuta. Avrebbe fatto un servizio migliore alla sua categoria, ma soprattutto a Renzi, se fosse riuscito a dominare i Suoi istinti "bestiali" con quel self control che la assidua frequentazione degli ambienti londinesi avrei pensato avesse plasmato il suo irruento carattere.

Poi il suo scritto è intriso di livore, disprezzo, allusioni spiacevoli. Il tutto condito in una minaccia esplicita di ricorrere alla vie legali, come se Bersani fosse un nemico da abbattere, più che una persona a cui far cambiare opinione.

In ciò, caro Serra, Lei è molto simile a D'Alema - recentemente autorottamatosi - col suo modo spiacevole, minaccioso, allusivo e saccente di trattare l'avversario. Come se si trattasse, appunto, di un nemico.

C'è però una sostanziale differenza tra Lei e D'Alema. Quest'ultimo fa un uso invidiabile della lingua italiana, orale e scritta. La sua lettera, dottor Serra, è un vero disastro. Da rottamare e riscrivere utilizzando correttamente sintassi e grammatica.

Mi permetto dunque di darLe un consiglio: qualora si dovesse trovare un'altra volta sotto assedio, conti fino a 100 e poi si metta nelle mani di un esperto di comunicazione...Non in quelle di un apprendista spin doctor, però, mi raccomando.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook