Vivaio
3 Novembre Nov 2012 1028 03 novembre 2012

Progetto #1: IL PARCO ORBITALE

Vivaio è un’associazione formata da trenta-quarantenni di Milano uniti dal desiderio di fare assieme quello che un tempo faceva un singolo mecenate: concepire e realizzare i progetti che più ci piacciono per rendere migliore la città in cui viviamo.
Come annunciato nello scorso post, abbiamo raccolto e selezionato alcuni proposte di progetti per la Milano che vorremmo. Il primo progetto si chiama: “Parco Orbitale”.
E’ il primo anche perché è risultato il progetto vincitore dell’edizione 2012 di Expop, la versione pop di Expo organizzata da Vivaio il 21 giugno di questo anno. In quell’occasione si sono messi in scena dieci progetti invitando i partecipanti a votare per il preferito. Alla fine è risultato vincitore il Parco Orbitale, presentato da Giacomo Biraghi. I progetti presentati e i risultati delle votazioni si trovano sul sito: www.expop.org.
Il progetto “Parco orbitale” consiste nel denominare con un unico nome le aree verdi che si trovano nella cintura di Milano (tra la circonvallazione esterna e la tangenziale). Questa cintura di verde che già esiste, si chiamerebbe “Parco Orbitale” e diventerebbe il parco più grande d’Europa con un’estensione di circa 70 chilometri di circonferenza.
Il progetto Parco Orbitale consiste nella produzione di mappe della città che già rechino la dicitura di Parco Orbitale per tutte le aree verdi che cingono Milano, l’organizzazione di eventi, come la Straorbitale podistica e ciclistica, il Parco Orbitale day, la messa in rete delle cascine situate nelle aree toccate dal parco. E in un secondo momento, la realizzazione di piste ciclabili, di ponti per persone e biciclette, di una segnaletica ad hoc e la realizzazione di un Safari d’Artista (progetto di Duilio Forte e Martina Mazzotta), invitando 100 artisti internazionali a realizzare un’opera d’arte simboleggiante un animale da porre all’interno del Parco.
In questo modo il Parco Orbitale diventerebbe non solo conosciuto in Italia e all’estero, ma anche luogo dove far vivere la città, da visitare per i bambini alla ricerca degli animali “d’artista” e dei cittadini che possono riscoprire cascine e aree verdi attualmente poco valorizzate e divise in decine di zone distinte.
L’idea di Vivaio è di procedere prossimamente alla raccolta fondi per attuare i primi punti del progetto invitando tutti gli amanti di Milano ad esprimersi pro o contro questo progetto e a integrarlo con idee e suggerimenti.
Chi vuole dare la sua idea può lasciare il suo commento all’articolo oppure scrivere a info@associazionevivaio.it
E per chi vuole darsi da fare Vivaio si incontra i mercoledì sera. Per informazioni: info@associazionevivaio.it
Prossimo post: La Milano che vorremmo: proposta #2

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook