Fuoriserie
7 Novembre Nov 2012 0843 07 novembre 2012

Obama e le serie TV: il binomio funziona

Mi emozionano. Non so dire razionalmente perché. Ma lo fanno più delle elezioni italiane. Le elezioni americane mi commuovono, mi fanno sentire partecipe, mi travolgono. E’ tutta pancia, lo so. Non c’è nulla di testa. Non sono una di quelle che crede che un uomo possa cambiare il mondo. So che non esiste una persona con questo potere, nemmeno il presidente degli USA, questa figura così affascinante da riempire il mio (e il nostro) immaginario televisivo e cinematografico. Non sono una fanatica del mondo americano, anzi alle volte mi trovo a ridere e irridere della semplicità della gente che vive negli States, che non mette piede fuori dal loro immenso territorio e che pensa che la vita sia tutta lì. Non sono nemmeno una di quelle che pensa che Obama sia Dio e Romney il diavolo. Certo, non nascondo la mia felicità per il risultato di queste elezioni, però so che Obama non farà tutto quello che mi “aspetto” che faccia, che ci saranno decisioni di politica estera che non approverò, che rimarrò delusa dai “compromessi” a cui immancabilmente scenderà. Ne sono conscia, già da ora. E’ un po’ la croce della Politica, questa. La consapevolezza che ci deluderà, in fondo ogni volta (continuo a pensare che la migliore metafora della Politica attuale ce la fornisca Veep, con quell’immagine del presidente ombra che non chiama mai e non si vede mai).

Eppure dalle elezioni americane vengo puntualmente travolta. Affascinata da quell’ondata di nazionalismo che io, ad esempio, per l’Italia (pur votando SEMPRE) non sento. Quel nazionalismo positivo, intendo. Quello spirito di sentirsi parte di un tutto, come quello che si respira durante un concerto, quando il coro del pubblico estasiato si innalza con il dolce suono della stessa canzone.

La Tv seriale in questo mio coinvolgimento ha senza dubbio un forte peso. Sentire Eva Longoria, la casalinga disperata Gabrielle Solis, parlare apertamente a sostegno di Obama durante la Convention Democratica, mi ha stupito: lei con la presidenza Romney risparmierebbe in tasse. Ma la Eva Longoria che lavora a Hollywood non ha bisogno di pagare meno tasse – ha detto – la Eva Longoria ragazzina che faceva fatica a pagarsi gli studi, quella sì aveva bisogno di meno tasse.

E ancora le parole, i tweet, la presa di posizione di Kate Walsh, Ian Somerhalder, Lena Dunham, Sophia Bush e di una lunga serie di eroi del piccolo schermo (che ho amato, televisivamente) mi hanno permesso di avvicinarmi alla politica americana, di sognare e sperare per i loro piccolo successi sociali, di parteggiare per le loro cause (che poi, in termini di politica sociale, sono anche le nostre).

Obama e serialità televisiva: il rapporto è stretto più che mai. Nel mio libro (Settimo Potere – Come le serie TV influenzano la vita sociale e politica) ne ho parlato approfonditamente. E questo sarà anche il tema della mia prossima puntata-radio di Fuoriserie sul Serialclub su Radiophonica, in onda domani alle 15.15 e, in replica, alle 19.30 (caricherò, in seguito, il podcast per tutti gli interessati).

Per ora vi lascio con alcuni tweet, di alcune celebrità seriali che hanno celebrato la vittoria di Obama: per altri 4 anni alla Casa Bianca.

ian somerhalder ‏@iansomerhalder
I'm so proud of us as a people. Even people in other countries contributed to this event. A global group hug...Wow. Wow. Wow.

Sophia Bush ‏@SophiaBush
Crying. Happy tears. Breathing deep. #4MoreYears#EqualityMatters #WomenMatter #EducationMatters Thank you Mr. Preside… http://say.ly/qDV4x9J

Bryan Greenberg ‏@bryangreenberg
Supported Obama 4 years ago and I'm excited to vote for him again today! http://instagr.am/p/Rsc264qt_S/

kerry washington ‏@kerrywashington
Wow! Wow! Wow! #Obama2012 YOU DID IT AMERICA! YOU DID IT!

Lea Michele ‏@msleamichele
Amazing election party tonight at @MrRPMurphy's house! And so glad we got to celebrate the re-election of OBAMA!!!#GObama

Eva Longoria ‏@EvaLongoria
Me and my friends celebrating! I'm on tears! Moving the country forward!!! Obama!!! http://say.ly/AVj4x9M

olivia wilde ‏@oliviawilde
AMERICA! You have spoken! Women! You have been heard! Young people! You proved them wrong! Tireless Obama volunteers! I THANK YOU!

ashley judd ‏@AshleyJudd
JOY JOY JOY JOY! FORWARD! Empower. Respect. Include. JOY!

-----

AGGIORNAMENTO: 9 NOVEMBRE 2012, ORE 14.00

Per tutti gli interessati ecco il podcast della puntata di Fuoriserie nella trasmissione Serialclub su Radiophonica di ieri: lo trovate qui

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook