Storie dell’altro mondo
8 Novembre Nov 2012 2051 08 novembre 2012

Obama due: geopolitica della rielezione

La corsa alla Casa Bianca si è chiusa da poco e già gli analisti tentano di prevedere cosa riserverà il secondo mandato di Obama in materia di politica estera e cooperazione.

Cerchiamo di capire cosa potrà accadere nei paesi più a rischio, dove Oxfam è impegnata al fianco della popolazione.

La crisi siriana sta varcando i confini per far sentire i suoi effetti anche nei paesi vicini. Secondo la maggioranza degli osservatori, è probabile che Obama metta in gioco il peso politico degli Usa per trovare una via d’uscita alla guerra civile.
In Afghanistan resta da capire a che ritmo gli Usa potranno ritirare i soldati ancora schierati e quanti ne resteranno dopo il 2014. I comandi militari lasciano intendere di preferire un ritiro più graduale e una forza di circa 10mila uomini per il dopo 2014. La Casa Bianca sembra intenzionata a premere per un disimpegno più rapido.

Spostiamoci in l’Africa. Uno dei paesi che più preoccupa è il Mali, dove la comunità internazionale cerca di fermare i ribelli legati ad Al-Qaeda che controllano il nord del paese. Che sia con la forza, attraverso negoziati, o con entrambi questi strumenti. Un maggiore impegno degli Usa può risultare decisivo per sbrogliare queste crisi.

Infine la Russia, dove la rielezione di Obama è stata accolta con cauto ottimismo. Sospetti e timori si incrociano sull’asse Mosca-Washington. Se al Cremlino temono che la Casa Bianca stia offrendo il suo sostegno agli oppositori di Putin, a Washington non si sono mai sopite le preoccupazioni per il rispetto dei diritti umani in Russia.
Nel loro secondo mandato, liberi dall’obbligo di cercare il consenso per la rielezione, i presidenti Usa hanno in genere mostrato più coraggio e decisione. Nei prossimi quattro anni Obama avrà più margini di manovra per un’agenda internazionale ricca di ostacoli, ma foriera anche di potenziali successi.

Gabriele Carchella

Oxfam Italia

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook