Alessandro Da Rold
Portineria Milano
15 Novembre Nov 2012 2004 15 novembre 2012

Ma il Partito Democratico ha letto i sondaggi che danno Civati al 30 per cento ?

In queste ore convulse per la politica lombarda, di centrodestra e di centrosinistra, in vista delle elezioni regionali in Lombardia, con le candidature di Umberto Ambrosoli, Gabriele Albertini e Roberto Maroni ancora in bilico, c’è chi consiglia di ritornare al giorno in cui si sciolse il consiglio regionale lombardo. Era il 26 ottobre del 2012. Roberto Formigoni, presidente di regione Lombardia, era appena arrivato in sala stampa per stringere la mano ai giornalisti, soddisfatto per la giornata che aveva messo in un angolo la Lega Nord di Roberto Maroni. 

Proprio allora, tra gli esponenti del Popolo della Libertà, iniziò a circolare un sondaggio effettuato per il quotidiano L’Opinione della Libertà, di area di centrodestra. Presto arrivò nelle mani dei giornalisti. E qualcuno fece presente che potevano essere sondaggi commissionati da Silvio Berlusconi alla fidata sondaggista Alessandra Ghisleri. Cosa c’era scritto? Oltre alla distanza tra Gabriele Albertini e Maroni (quasi 8 punti), nel Partito Democratico qualcuno fu molto colpito dal risultato di Giuseppe Civati, detto Pippo. Il consigliere regionale del Pd che si è da poco candidato alla segreteria nazionale del partito di Pierlugi Bersani, veniva dato, nemmeno un mese fa, quasi al 30% dei consensi, contro un misero 0,8% di Fabio Pizzul, altro nome che circola in vista delle primarie «civiche».

Per non parlare del risultato di Matteo Colaninno, deputato democratico, che qualcuno, tra i democratici, si permette di paragonare all’avvocato Ambrosoli: raggiungeva appena il 5,5% dei consensi. Non si saprà mai con esattezza come il Pd abbia accolto questi sondaggi forse un po’ «berlusconiani». Sta di fatto che ha deciso di appoggiare Ambrosoli e non Civati. 

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook