Asia Files
20 Novembre Nov 2012 0709 20 novembre 2012

La società civile italiana per il futuro dell'Afghanistan

Afghanistan, anno 2014. Saranno due gli appuntamenti cui il Paese andrà incontro: le elezioni presidenziali e il definitivo ritiro delle truppe internazionali. La strada che l'Afghanistan prenderà dopo questa data è conseguenza di come saprà affrontare le due scadenze.

La scorsa settimana una delegazione di rappresentati di alcune delle principali reti della società civile afgana era a Roma per incontrare istituzioni, sindacati, associazioni e organizzazioni non governative italiane aderenti ad Afgana, rete informale nata nel 2007.

Durante la visita, è stata più volte rimarcata la necessità di garantire un serio monitoraggio del voto e soprattutto verificare che alla donne sia consentito recarsi ai seggi, soprattutto nel sud del Paese.

La garanzia di un processo elettorale trasparente e democratico, hanno sottolineato gli afgani, non può essere tuttavia affidata soltanto al governo di Kabul. Serve che siano le organizzazione della società civile a farlo.

Anche per questo nella sei giorni romana che si è conclusa con una conferenza stampa alla Camera dei Deputati, le organizzazioni afgane hanno cercato di continuare a tessere la rete delle collaborazioni con le controparti italiane. Non chiedono piogge di soldi, ma impegni concreti e precisi.

Si va dall'istituzione di un fondo comune per la società civile alla costruzione di una “casa della società civile” a Kabul per marcare in modo fisico la presenza di una cittadinanza attiva nel Paese, parte di un progetto di formazione e sostegno cofinanziato dalla ministero degli Esteri che vede l'Arcs come capofila, in consorzio con Nexus, Aidos e Oxfam Italia.

Senza dimenticare l'iniziativa 30 per cento, promossa da Afgana, che prevede che per ogni euro risparmiato con il ritiro delle truppe 30 centesimi vadano a finanziare lo sviluppo sociale, la lotta contro la povertà e il rafforzamento della società civile e di tutte quelle forze che lavorano affinché il Paese non ricada nel caos e non si torni indietro rispetto alle conquiste fatte.

Se così non dovesse essere, il rischio paventato per l'Afghanistan è che faccia la fine dell'Iraq, salvo rare eccezioni sparito dai radar dell'attenzione pubblica occidentale.

Rischio che a Kabul, a Herat, a Jalalabad e nel resto del Paese conoscono bene, memori di quanto successe all'inizio degli anni Novanta, quando al ritiro seguì la guerra tra bande e, alla fine, il regime dei talebani.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook