Gianluca Melillo
ItaliAmo
22 Novembre Nov 2012 1545 22 novembre 2012

La Polverini lascia la poltrona alla Pisana regalando soldi (pubblici) ad amici e affini

Oramai non ci indignamo nemmeno più. Siamo rassegnati, pur se schifati, ad una vicenda rivoltante che pare non aver mai fine.

Orbene, facciamo un passo indietro. Come sapete il caso, oramai celeberrimo, del Batman ciociaro, il Capo Gruppo della PDL alla Regione Lazio Franco Fiorito, ha fatto crollare il muro di gomma che nascondeva ai nostri occhi quanto accadesse in quel della Pisana.

Ci ha resi edotti dello sperpero, e dell'uso illecito, che i Consiglieri regionali del Lazio facevano dei denari pubblici. Festini, ostriche, macchine, case... Il tutto pagato da noi.

Scoperchiato il "vaso di Pandora" laziale la Presidente Polverini, facendo fuoco e fiamme, riempiva la Regione di manifesti in cui diceva "Adesso basta. Li caccio tutti!". Promettendo le sue dimissioni ed il reset del Consiglio.

Queste le promesse da marinaia, la verità? I Consiglieri sono ancora tutti li, lei si è dimessa (settimane dopo l'annuncio) ma continua a gestire la Giunta.

Certo direte voi, tecnicamente deve traghettare la Regione alle elezioni per cui si occuperà solo di ordinaria amministrazione. Invece no, primo le elezioni non le ha ancora indette (è dovuta intervenire il Ministro dell'Interno per "commissariarla") e secondo sta spendendo milioni di euro per fare "regali" ad amici ed affini. Tra l'altro mettendo quasi tutto in conto alla prossima Giunta.

Qualche esempio?

Cominciamo da Digitallife 2012, 125 mila euro. E nel CDA di questa fondazione siedono, fianco a fianco, Renata Polverini, Gianni Letta, Andrea Mondello e l'immobiliarista Sergio Scarpellini, proprietario dei palazzi affittati alla Camera e al Senato.

Proseguiamo con i 20 mila euro all'associazione MetaMorfosi presieduta dall'ex deputato di Rifondazione Pietro Folena. I 30 mila per la settimana degli sport acquatici affidato alla Federazione nuoto del senatore Pdl Paolo Barelli. I 270 mila all'associazione nazionale esercenti cinema...

Per non parlare del commissariamento delle Asl di Roma H, Roma F e Viterbo. O del finanziamento di 442.422 euro a una cooperativa edilizia (Azzurra) di Nettuno.

E potrei continuare ancora in una lista che pare infinita, ma credo che il concetto sia chiaro. O no?

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook