Alfio Squillaci
La Frusta Letteraria
23 Novembre Nov 2012 0728 23 novembre 2012

Il Governo Monti e l'esprit de l'escalier

C'è una formula francese che si chiama "esprit de l'escalier", letteralmente "spirito della scala".
Voi siete andati a dirne quattro alla vicina del piano di sopra, vi siete sfogati e in qualche modo avete espresso il vostro punto di vista, poi prendete le scale per tornare a casa vostra... e qui, sui gradini, prima di rientrare, vi viene la battuta che avrebbe steso la vostra vicina. Ma qui, sulle scale ormai, non sapete se tornare indietro a riprendere la discussione sistemando definitivamente la questione o lasciar perdere e rientrare a casa vostra in qualche modo sconfitti.
Orbene, la battuta della scala che vorrei dire al governo Monti, il quale non fa che ripeterci che senza il suo governo non è che l'Italia andava incontro a grossi guai con lo spread a 570 - cosa che è facile sottoscrivere-, ma che senza il suo governo si rischiava di non pagare gli stipendi, le pensioni e le tredicesime già nel dicembre del 2011.

Qui lo "spirito della scala" ci farebbe dire. Ma se è così, qual è stato effettivamente il provvedimento di legge che ha impedito il baratro? Se uno è "tecnico" deve trovare argomentazioni tecniche, logico-discorsive, ragionamenti che derivino dal pensiero logico-sperimentale, quello che attribuisce esattamente le cause agli effetti e viceversa, non formule che possono star bene in bocca a uno sciamano della politica, a un Rotondi qualsiasi.

Insomma qual è stato il provvedimento che si possa spiegare con la formula latina post hoc ergo propter hoc? Ebbene, nel decreto cosiddetto "Salva Italia" non c'era alcun provvedimento tale da determinare un afflusso immediato di denaro che avrebbe comportato il salvataggio diretto della nazione, in un rapporto stretto di causa ed effetto tale che esso, ed esso solo, avrebbe consentito di pagare le pensioni, gli stipendi e le tredicesime. Non certo il provvedimento sulle pensioni della Ministra Fornero che determinerà i suoi effetti non prima di di 2 o 3 anni, non certo le liberalizzazioni che non si sono fatte, non certo la riforma del lavoro varata nella primavera scorsa, a pericolo scampato, non certo il ribasso dello spread che c'è stato in maniera significativa solo di recente ( e comunque non si pagano gli stipendi con gli spread), non certo i provvedimenti legati alla spending review che si è avviata nella seconda metà del 2012, non certo la legge di stabilità che va al voto in questi giorni.

Dunque: quale provvedimento concreto di legge ci ha salvati alla fine dell'anno scorso e ha consentito il pagamento degli stipendi, delle pensioni e delle tredicesime?
Questa è la mia domanda della scala. Ma ormai è forse troppo tardi, ma forse no, salgo un attimo le scale e vado a fargliela al Governo Monti questa domanda... O no?

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook