L’errore in rassegna
23 Novembre Nov 2012 1915 23 novembre 2012

Vive la France!

Parliamo un po’ di pronuncia. O meglio. Parliamo di parole straniere, usate in italiano senza traduzione, e della loro pronuncia. Se io scrivo STAGE, voi che cosa leggete? O meglio. Come lo leggete? All’inglese o alla francese? Io l’ho sempre pronunciato in francese [staƷ] e ho sempre provato fastidio per quello [steidƷ] all’inglese. E so di aver provato fastidio con giusta causa. Perché se il vocabolario della lingua italiana mi dice che stage è una voce francese e mi segnala come impropria la pronuncia inglese, allora io, l’inglese, lo lascio alla Regina d’Inghilterra. Devo essere onesta, però, e fare presente che, soprattutto nell'ultimo (medio- lungo) periodo, sento sempre meno [steidƷ] e molti più [staƷ]. Ma siccome mi piace mettere zizzania, chiedo: c’è stata presa di consapevolezza dell’errore, oppure siccome lo fanno tutti…

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook