LOMBARDIA NEXT STATE IN EUROPE
25 Novembre Nov 2012 2352 25 novembre 2012

Il blocco indipendentista stravince in Catalogna #25N

I risultati in Catalogna danno un risultato netto e preciso: la maggioranza degli elettori si schiera con i partiti sovranisti, i nazionalisti spagnoli sono solo una minoranza.

Il partito autonomista di Artur Mas, Presidente della Generalitat uscente, perde molti consensi, risultato attendibile per più motivi:

- In quanto governatore dell'attuale regione, sicuramente paga la disperazione nata dalla crisi economica (la percentuale di disoccupazione, soprattutto giovanile, in Catalunya è decisamente alta e preoccupante).

- Episodi di malagestione del suo partito, inclusi scandali piuttosto pesanti, si sono materializzati sui media pochi giorni prima delle elezioni (casualmente).

- La decisione di virare verso l'autodeterminazione del popolo catalano ha sicuramente indispettito alcuni votanti autonomisti, che hanno traslato il proprio voto verso partiti contrari alla completa indipendenza ma favorevoli allo status quo, ad esempio C's, promotore della campagna "Mejor unidos" parallela alla "Better together" britannica in scena in Scozia.

- L'approccio di Mas nei confronti del referendum è stato sicuramente ritenuto troppo soft da molti catalani pronti ad abbracciare l'indipendentismo: Esquerra Republicana de Catalunya, storico partito indipendentista ha più che raddoppiato seggi e consensi. Nella Generalitat irrompe anche l'estrema sinistra indipendentista, favorevole all'uscita della Catalogna non solo dallo Stato spagnolo, ma anche dall'Unione Europea, dalla NATO e dall'Unione Monetaria Europea. Menzione d'onore al partito Solidaritat Catalana che in solitaria ha ricevuto il 1,27% dei consensi.

La palla rimane in mano ad Artur Mas, detentore comunque del 30,59% delle preferenze dell'elettorato catalano (più di un milione di voti). Con questo risultato il Presidente della Generalitat può alleggerire la propria posizione di "uomo del destino" catalano, reggendosi sul supporto della rappresentanza indipendentista, mantenendo inoltre il controllo di un partito "epurato", venga concesso il termine, dagli autonomisti favorevoli allo status quo.

La strada per il referendum è stata tracciata, ben più del 50% degli elettori catalani si è dimostrato favorevole all'indipendenza, vi è solo da decidere quando e come intraprendere il percorso.

E per noi lombardi, decidere quando è ora di prendere esempio dalla vicina Catalunya.

www.prolombardia.eu

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook