Gianluca Melillo
ItaliAmo
27 Novembre Nov 2012 1414 27 novembre 2012

331.126 contatti, 3 giorni, 5 ragazzi. Stay PINK per cambiare l'Italia.

Anche 5 ragazzi normali, diversi l'uno dall'altra per vita, religione ed esperienze, possono realizzare qualcosa di importante. Possono contribuire a rendere il nostro un Paese migliore.

Io, Daniele Regard, Annalisa Chirico, Vito Kahlun e Maruan Oussaifi abbiamo deciso che non vogliamo più vivere gli incubi di altri ma cercare di realizzare i nostri sogni.

Siamo partiti dal nostro comune amore per la democrazia e la libertà realizzando una pagina su FB che ha avuto, e continua ad avere, un enorme successo: Roma dica NO ai raduni fascisti.

Mettendoci la faccia, per urlare il nostro NO al fascismo, alla violenza ed all'odio, abbiam sollevato un gran bel polverone, come si usava dire.

Abbiamo chiesto alle Istituzioni locali quali fossero le loro idee sui vecchi e nuovi fascismi, ottenendo una risposta chiara (Zingaretti), una confusa (Alemanno) ed il silenzio (Polverini).

Nonchè diffidato Casa Pound a commettere atti illegali e, forse, è anche merito nostro se la loro manifestazione non è stata, come tante altre volte in passato, violenta.

Insomma in pochi giorni abbiamo fatto davvero tanto. Ma non basta, la vicenda del giovane ragazzo "dai pantaloni rosa" ci ha profondamente colpito, ci ha toccato nell'anima.

Davide ci ha resi consapevoli di quanto, ancor oggi, l'ignoranza, l'omofobia e la discriminazione imperversino nella nostra penisola.

In Italia non è ancora reale il diritto ad essere ciò che si è. Tanto meno la libertà di vivere la vita che scegliamo, che desideriamo.

Per questo è nata "Stay PINK". Un'iniziativa che in 3 giorni ha totalizzato oltre 331.000 contatti, migliaia di adesioni ed un enorme numero di condivisioni.

Ed è anche per questo clamoroso successo che, pur portando avanti la battaglia contro i raduni fascisti, abbiamo deciso di darci un obiettivo più ambizioso: batterci per tutti quei valori impliciti nell'antifascismo.

Batterci per l'uguaglianza.

Batterci per il garantismo.

Batterci per il benessere.

Batterci per la felicità.

Batterci per il diritto alle diversità.

Batterci per un'Italia molto più PINK che black.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook