Gianluca Melillo
ItaliAmo
3 Dicembre Dic 2012 1957 03 dicembre 2012

Disabilità, questa sconosciuta

Come ogni anno, l’Unione Europea, in collaborazione con le Nazioni Unite, promuove la Giornata Mondiale della Disabilità. Che cade proprio oggi, lunedì 3 dicembre 2012.

Voi lo sapevate? Io l'ho scoperto grazie alla Rete, e mi sono incuriosito. Ho deciso di documentarmi sul tema delle "diverse abilità", e su come il nostro Paese le vive (o le "sopravvive").

Ho scoperto che in Italia le persone con disabilità sono circa 2 milioni 800mila, pari al 4,8% circa della popolazione di 6 anni e più che vive in famiglia. Non è un numero "insignificante", anzi.

Ma comunque un dato fuorviante, perchè, ad esempio, disabilità e invalidità sono due concetti differenti: il primo fa riferimento alla capacità della persona di espletare autonomamente (anche se con ausili) le attività fondamentali della vita quotidiana e si riconduce alla legge 104 del 1992, il secondo rimanda al diritto di percepire un beneficio economico in conseguenza di un danno biologico indipendentemente dalla valutazione complessiva di autosufficienza, e fa riferimento alla legge 118 del 1971.

Ed è quasi impossibile fare una catalogazione unica di tutte le persone "in sofferenza" per una qualche "diversità". Ovviamente fatta questa analisi va da se che il numero è decisamente più importante.

A questo punto sarebbe interessante capire come il nostro Paese viene in aiuto di tutti questi cittadini, che vivono vite sicuramente più complicate della maggior parte di noi. E qui la strada si fa impervia perchè non esistono dati univoci, ma assolutamente frammentari e di un'incredibile complessità di lettura.

Di certo sappiamo solo che: le persone con disabilità effettuano un numero di visite mediche specialistiche due volte superiore a quello delle persone senza disabilità. Inoltre presentano un tasso di ricovero quattro volte superiore a quello delle persone senza disabilità e nei presidi residenziali socio-assistenziali sono ospitati 1.366 minori con disabilità, 32.691 adulti con disabilità e 162.229 anziani non autosufficienti (ISTAT, 2006).

La situazione è chiaramente complicata, e quasi tutto il peso grava sulle spalle della famiglia che assiste il congiunto in difficoltà. Ma cosa facciano le Istituzioni per aiutare le famiglie, ed i disabili, è un mistero.

Nel senso che sicuramente qualcosa faranno, solo che non si riesce a capire cosa. E come.

Insomma, la disabilità, questa sconosciuta.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook