Fortezza Bastiani
14 Dicembre Dic 2012 1344 14 dicembre 2012

Permesso natalizio per i marò: l'India discute l'istanza

I marò a casa per Natale? Se non dovesse riuscirci la diplomazia, potrebbe farlo un "permesso premio" in occasione del Natale. Fonti di stampa indiane, ribattute in Italia dall'Ansa, parlano infatti di un'istanza al tribunale dello stato indiano del Kerala per ottenere il permesso di trascorrere a casa le festività Natalizie. Ad inoltrarla sarebbero stati i legali dei due fucilieri di marina del Battaglione San Marco, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, prigionieri in India con l'accusa di aver ucciso due pescatori indiani durante un'operazione antipirateria nella quale erano impegnati. Secondo le fonti, i giudici avrebbero già accettato l'istanza e calendarizzato l'udienza per la sua discussione la prossima settimana.

E la Farnesina? Ieri, su preciso mandato del ministro degli Esteri, Giulio Terzi, il segretario generale Michele Valensise, ha convocato l'ambasciatore d'India in Italia, Debabrata Saha per «reiterare la sollecitazione del governo italiano a che la sentenza della Corte Suprema di New Delhi sul caso dei due Fucilieri della Marina, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, sia emessa prima dell'inizio delle festività natalizie». Il ministro Terzi, in un comunicato, ha spiegato così la sua decisione: «Ho fatto convocare ambasciatore indiano: la soluzione del caso è improcrastinabile. I nostri ragazzi devono tornare presto a casa».

Intanto ammontano ormai a 301 i giorni di prigionia dei due marò, trattenuti dalle autorità indiane senza prove concrete circa i fatti loro addebitati, e in aperta violazione del diritto internazionale.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook