David Bidussa
Storia Minima
21 Dicembre Dic 2012 1008 21 dicembre 2012

Il ritorno politico della nostalgia e la crisi della democrazia

Circa 20 anni fa lo storico Walter Laqueur (Fascism, Oxford University Press 1996, tr. it Tropea 2008) richiamò l’attenzione sul tema del fascismo risorgente sulla base di tre fattori che a suo avviso concorrevano dare nuova legittimità:

1) lo stato di salute della democrazia;

2) la natura difensiva dei nuovi movimenti rispetto agli scenari europei;

3) la ripresa dei nazionalismi.

In questo senso il fascismo come grumo di sentimenti e di immaginario non rappresenta un sistema finito.
Il Novecento non sarebbe stato né il secolo breve, né quello degli estremi come vorrebbe Hobsbawm.

E’ stato, invece, un secolo sotterraneo dove forze e movimenti che hanno avuto fortuna e consistenza si sono eclissati, ma non dissolti, e perciò in grado di riemergere in forza di un nuovo mix, di culture, atteggiamenti e sentimenti. In breve la nuova chance come conseguenza che di una sconfitta culturale, prima ancora che politica, del sentimento democratico.

Non so se questa conclusione amara di Laqueur sia fondata. So tuttavia che non è banale

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook