Mercato e Libertà
11 Gennaio Gen 2013 1019 11 gennaio 2013

James Buchanan, RIP

Su Libertiamo ho pubblicato un articolo dedicato al Premio Nobel James Buchanan, scomparso due giorni fa.

I contributi di Buchanan alle scienze politiche sono enormi: si pensi all'idea stessa di economia politica costituzionale, o all'analisi degli incentivi politici sulle dinamiche del bilancio pubblico in "Democracy in deficit" (con Richard Wagner).

Nell'articolo mi focalizzo sulla Constitutional Political Economy, una teoria a metà tra positivo e normativo che rappresenta la giustificazione teorica, e quindi positiva, più completa di secoli di costituzionalismo liberale.

Ho difficoltà a credere che cambiare la costituzione per migliorare la politica sia una cosa facile, apparentemente è ancora più difficile che cambiare le singole politiche. Ma dal punto di vista positivo la cornice teorica di Buchanan è fondamentale per capire i problemi della politica e le loro possibili soluzioni.

Pietro Monsurrò

@pietrom79

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook