Diario greco
15 Gennaio Gen 2013 2332 15 gennaio 2013

Dove è finita la Grecia? Poi, all'improvviso, Gianfranco Fini...

Uno degli effetti non voluti della campagna elettorale nostrana è un relativo calo dell'attenzione mediatica sulle questioni di non immediato interesse nazionale. Una di queste è la situazione economica e sociale in Grecia. Viene da pensare che l'attenzione mediatica che i media italiani ed europei hanno dato alla crisi greca nella sua fase acuta, la scorsa primavera, sia funzionale alla creazione di retoriche generali, e poi nazionali. In Germania, l'immagine del greco "sudeuropeo", pigro e disonesto; in Italia, gli innumerevoli "non siamo come la Grecia", con un attenzione tra il drammatico e il molto drammatico. In generale, l’espressione che più ha avuto successo, ora colpevolmente scomparsa, è “tragedia greca”, con cui è piaciuto a tutti definire la situazione. Un sacco di materiale mediatico, ma che ora è come scaduto, insomma. Materiale di cui ci si chiede: ma se valeva prima, non vale più adesso? O erano semplicemente racconti superficiali?

Poi, stasera all’improvviso Gianfranco Fini se ne esce a Ballarò con la preziosa considerazione: [prima che arrivasse Monti] “rischiavamo di diventare come la Grecia”. Evviva. Quasi se ne sentiva la mancanza, in fondo. E finalmente il tema torna in prima serata: ci si sente come teletrasportati in questo video:

Intendiamoci: ironia a parte, nessuno è immune. Anche questo blog -seppur per cause di forza maggiore- è rimasto inattivo nei mesi passati.

Siccome scrivere un blog è spesso un po' come giocare a fare Don Chisciotte, riprendo a dare un po' di fatti sparsi, cose che sento o leggo sulla Grecia. C'è l'imbarazzo della scelta su dove incominciare. L'ieri sera l'altro, il quartier generale di Nea Dimokratìa, nel centro di Atene, è stato attaccato a colpi di kalashnikov. Questo è successo giusto l'altroieri sera.Un proiettile è stato ritrovato nell'ufficio del premier Samaràs. Altri attacchi con bombe incendiarie hanno preso di mira giornalisti e sezioni di vari partiti (tra cui anche Syriza). Nessun ferito, ma la tensione, almeno ad Atene, è alta.

Da oggi, riprendo quindi a riportare e, quando posso, commentare un po' di fatti sparsi, raccolti dalle fonti più varie. Sperando di poterci ritornare, in Grecia, in un futuro non troppo lontano. Stay tuned.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook