Leccaprincipi e Mamelucchi
21 Gennaio Gen 2013 1925 21 gennaio 2013

Cosa sono Seneca Falls, Stonewall, Selma citati da Obama

Nel Martin Luther King Jr. Day il presidente Barack Obama ha pronunciato il discorso che dà inizio al suo secondo mandato. In un passaggio del discorso sui diritti civili ha citato tre eventi fondamentali della storia moderna americana. I Seneca Falls, la marcia di Selma e i moti di Stonewall. In tre righe (per ognuno) ecco cosa sono stati.

1. Senaca Falls Fu il primo incontro per parlare di diritti delle donne. Avvenne tra il 19 e il 20 luglio del 1848 a Seneca Falls, New York. Qui si formulò la prima richiesta per il diritto di voto alle donne.

2. Selma Nel piccolo comune dell'Alabama (Selma) nel 1965 furono organizzate tre marce per il diritto al voto dei neri. La terza marcia, la più famosa, partì il 21 marzo per arrivare il 25 a Montgomery, capitale dello Stato. Tra i promotori ci fu anche Martin Luther King Jr. I manifestanti (all'inizio 3.200) camminarono per 80 chilometri e il 25 arrivarono nella capitale: erano 25mila. King pronunciò il discorso "How Long, No long". Il 5 agosto entrerà in vigore il Voting Rights Act, che impediva qualsiasi discriminazione per il voto dei cittadini di colore

3. Stonewall Il 28 giugno 1969 è considerato il giorno in cui nacque il movimento di liberazione gay. Quella notte la polizia fece irruzione nello Stonewall Inn, locale gay di New York. Iniziarono degli scontri, che in breve tempo richiamarono centinaia di omosessuali da tutta la città. Gli scontri proseguirono anche la sera successiva. E furono il primo momento in cui il movimento LGBT venne allo scoperto per rivendicare i propri diritti.

Qui sotto il passaggio del discorso in cui Obama li ha citati

«We, the people, declare today that the most evident of truths – that all of us are created equal – is the star that guides us still; just as it guided our forebears through Seneca Falls, and Selma, and Stonewall; just as it guided all those men and women, sung and unsung, who left footprints along this great Mall, to hear a preacher say that we cannot walk alone; to hear a King proclaim that our individual freedom is inextricably bound to the freedom of every soul on Earth».

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook