Cristina Coglitore
La creatività in carcere
21 Gennaio Gen 2013 1101 21 gennaio 2013

Giovani a scuola di verde

Ragazzi a rischio di esclusione sociale, in messa alla prova o con pene detentive alternative possono partecipare a Crei, grazie alla collaborazione del Centro di Giustizia Minorile della Toscana e l’agenzia formativa Apab; finanziato dalla provincia di Firenze, si snoda in tre moduli di 300 ore l’uno per formare ora 30 giovani tra 16 e 18 anni in agricoltura biodinamica, giardinaggio e piccole manutenzioni.
Apab ha messo a disposizione una porzione del terreno demaniale di via dei Bruni per le attività della scuola, concedendolo gratis per 10 anni: qui ha attivato un percorso formativo di piccola manutenzione, importante visto che i ragazzi faranno piccole riparazioni alla scuola La Pira.
Alla fine del percorso, verrà rilasciata una dichiarazione degli apprendimenti come previsto dal sistema europeo delle competenze.
Dalla collaborazione tra Apab e Centro di Giustizia Minorile è già nato l’allestimento in agricoltura biodinamica delle aiuole in piazza Beccaria a Firenze.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook