In medias res
30 Gennaio Gen 2013 1237 30 gennaio 2013

Il mestiere del blogger e la rivolta di un popolo

Se c'è una cosa che non si può addebitare alla Rete è la noia. Ogni giorno c'è qualcosa di interessante e il proliferare di blogger e rubriche con tema autoreferenziale (la Rete stessa) ne è una prova.
Ieri mi sono imbattuto in un fatto interessante che mi ha fatto riflettere sull'attività di blogger e le sue varie sfumature sociali.

Ed ecco il fatto: sul sito di IoDonna sono presenti diversi blog curati da personaggi più o meno celebri. Uno di questi è quello di Aldo Cazzullo, un giornalista con un curriculum decisamente ricco e importante e diversi saggi all'attivo; politica e società sembrano essere le sue specialità, al momento è editorialista e inviato per il Corriere della Sera.
Non uno qualunque, quindi.

Indicatomi da un amico su Facebook, leggo il suo ultimo post su questo blog.
E rimango letteralmente a bocca aperta.
Il Signor Cazzullo ha deciso in questo post di parlare di videogiochi e per farlo snocciola un apparato argomentativo che possiamo riassumere così:
1. Pur avendo problemi meno gravi dei nostri avi riguardo ai figli, abbiamo un grande nemico, anzi, come dice testualmente Cazzullo, una vera piaga, i giochi elettronici.
2. Questi possono essere diseducativi o splendidi, non è il contenuto il problema.
3. Il problema sta nel fatto che alienano; allontanano, cioè, come una droga (testuale), da attività più desiderabili come la lettura, lo studio, la TV (!).
4. Proprio i film dei tempi andati sono un buon esempio di prodotto culturale che ai nostri figli non interessa perchè ormai lento e troppo lungo.
5. Quindi, conclude, i videogiochi vogliono rapirci i figli e noi, padri, dovremmo disporre di un manuale o, ancora meglio (visto che quest'ultima trovata dà il titolo al post), di un vaccino contro i videogiochi.

Ora, non è questa la sede per smontare le tesi sghembe e nostalgiche di Cazzullo. Credo sia sufficiente evocare alcuni semplici fatti.
Innanzitutto che la tecnologia, e i suoi prodotti, non sono nemici in sé per l'educazione di un figlio; lo sono le abitudini di consumo sbagliate, dettate direttamente da una cattiva educazione generale.
In second'ordine, bisognerebbe tenere presente che in ogni epoca si è evocato un grande “mostro corruttore” dell'infanzia, e in ogni epoca si è confermato valido il primo concetto espresso, ovvero che è l'educazione familiare a dettare i comportamenti ai figli, non gli strumenti tecnologici in sé.
In ultimo è piuttosto imbarazzante, proprio per le ragioni testè espresse, evocare televisione e cinema come “bei tempi che furono”. Il linguaggio cinematografico cambia, è in continua evoluzione ed è sufficiente aprire un manuale di storia del cinema per capire che non c'è alcun percorso di decadenza in tutto questo, bensì una sana mutazione artistica.
Il videogioco è un prodotto culturale che, nato alla fine degli anni '70, sta maturando completamente ed è sempre più parte degli immaginari e delle vite di tutti noi; un percorso simile a quello che ha fatto il computer.
La vecchia diatriba del “preferisco mio figlio a giocare in cortile che davanti alla televisione” ha poco senso perchè la società si muove in una direzione in cui il famigerato “cortile” è un'esperienza marginalizzata, vecchia, figlia di un'altra epoca. Vi sognereste di invocare, nell'azienda in cui lavorate, i bei tempi in cui le fatture si scrivevano a mano e il ragioniere dell'azienda teneva i libri contabili a penna?

Ma basta, mi faccio prendere la mano è non è questo il punto del post di oggi.
Il punto è come si dovrebbe fare il mestiere di blogger. Ovvero parlando di cose su cui si ha una conoscenza approfondita e suffragata da qualche studio. Non è necessario avere un nobel in chimica per trattare la materia in un blog; ma direi che una conoscenza certificata è necessaria...altrimenti il primo lettore che ce l'ha questa conoscenza mi massacra.
Ma non è nemmeno il problema di essere criticati duramente e delegittimati. Il problema è non raggiungere l'obiettivo che ha un blog: quello di interessare, intrigare, stimolare, fornire spunti di discussione.

In questo il blog è il discendente diretto dell'elzeviro, dell'editoriale di pregio che campeggia ancora sui quotidiani.
La conoscenza, anche approfondita, si badi bene, non è essere inattaccabili, è un pass per discutere di certi argomenti con un rigo di autorevolezza; quella sufficiente a dare qualcosa al pubblico, che non vuol dire insegnare, ma stimolare. Offrire un angolo diverso, ma valido e teoricamente solido.

Chi fa l'editorialista può avere la tentazione di parlare di tutto; può sentire le proprie opinioni in un campo estraneo tanto fortemente da ritenerle valide. Ma questo è un errore madornale, ed è quello che ha commesso il signor Cazzullo: ha preso le proprie opinioni di neofita non documentato e le ha date in pasto ai propri lettori con la veste del blog.
La prova che non ci si può permettere di pubblicare questo tipo di “pensieri in libertà” a causa proprio del pulpito da cui si parla, sono le conseguenze. Il blog del signor Cazzullo ha, in media, due o tre commenti a post; per questo post i commenti sono stati (in tre giorni) duecentosessantadue (262), di cui 261 stroncature e un utente che si schierava con il giornalista.

Mi si dirà: beh, ha ottenuto visite e commenti, questo conta per un blog.
No, conta la relazione di lungo periodo per un blog; il lettore fedele che ogni mattina ha messo il link del blog nella sua routine quotidiana e garantisce una base quantitativa al blog e alla testata che lo ospita.

Concludendo, è anche interessante vedere la rivolta del popolo dei navigatori-videogiocatori. Una risposta diretta ai deliri cazzulliani. I videogiochi iniziano a vantare qualcosa come 35 anni di attività; ciò vuol dire che possiamo trovare videogiocatori anche di età intorno alle quattro decadi. Per queste persone (del cui gruppo faccio parte, come avrete sospettato) i videogiochi sono anche un caro ricordo, una parte della propria infanzia...esattamente come per Cazzullo la saga di Indiana Jones. Qualcosa a cui pensare con emozione.
Sperando che quando i videogiochi passeranno il testimone a strumenti più avanzati (e divertenti) anche noi non si piagnucoli in un blog, pensando ai bei tempi che furono.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook