Addio Monti
3 Febbraio Feb 2013 0854 03 febbraio 2013

La nostra memoria politica sta a Henderson, Nevada

Ieri sull'International Herald Tribune è apparsa una lettera di un certo Michael Pravica (probabilmente un fisico) che, scandalizzato dalle affermazioni revisioniste di Berlusconi, scrive al direttore:

"Berlusconi may be entitled to his distorted revisionist views, but not without the sternest public condemnation. I also hope that Italians understand that this man is not capable of being a true leader - and never was"

Ora non è che sia particolarmente interessante sapere cosa pensi dei nostri politici un fisico di Henderson, ma la cosa che viene da chiedersi è che cosa sia dall'altra parte del globo che invece a noi sfugge. Cioè perchè un'area politica, che è tutto sommato quella maggioritaria nel paese, sia ostaggio di una figura come Berlusconi, che è ancora un candidato in grado di prendere almeno un 15%, di dettare l'agenda politica, di andare in televisione dai suoi avversari e segnare un punto di svolta della propria campagna elettorale.

L'unica risposta che mi so dare a tutto ciò è che noi, quando sopraggiunge il momento di votare, di colpo è come se ci dimenticassimo tutto. Ma proprio tutto!

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook