Un altro Nordest
7 Febbraio Feb 2013 1746 07 febbraio 2013

Com’è facile aprire un conto in Banca

Ho deciso, dopo qualche giorno di silenzio e riflessione sul da farsi, di narrare due fatti in cui sono stata coinvolta in prima persona.

Non citerò per scelta, e perché non è opportuno, i due istituti di credito di riferimento, ma entrambe le vicende sono – a mio avviso – indici di un settore che, banalizzo, le prova davvero tutte per aumentare i correntisti.


Primo fatto: si presentano in redazione – chiedendo appuntamento – due egregi signori in giacca e cravatta che dopo avermi chiesto che rapporti avevo col mondo del credito e cosa potevano fare per me lanciano l’attacco finale: lei ha un conto aperto in che banca? Perché sa, se vuole passare da noi, le offriamo…. Etc etc. Inutile riportare la mia risposta. Ma oggi arriva il recall e scopro che su quell’uscita – ben pianificata per target (so che hanno sondato anche altri colleghi giornalisti) - i due devono compilare un verbale. Quindi mi richiedono se, per caso ci ho ripensato.


Secondo fatto: sono a cena con un'amica che è dipendente in un’altra banca e mi dice che sta proponendo conti correnti a tutti perché c’è una gara tra filiali per vincere un’Ipad. Un campionato bancario, a quanto capisco, all’ultimo sangue che nei racconti prevede anche casi con una stessa persona che ha tre conti intestati. Non oso immaginare a famiglia nelle filiali dei piccoli paesi! Quindi mi chiede: se vuoi farmi un favore aprine uno anche tu… Sorrido. E anche qui non riporto la mia risposta.
Ecco cosa mi è successo in pochi giorni.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook