Marco Sarti
Camera con vista
11 Febbraio Feb 2013 1837 11 febbraio 2013

Renzi e Bersani insieme anche a Palermo. Il rottamatore è diventato indispensabile

All’inizio doveva essere solo una serata. Un comizio insieme per dare al Paese l’immagine di un partito unito. Nessuna rivalità tra gli avversari alle primarie: Matteo Renzi e Pier Luigi Bersani sono impegnati in prima persona per far vincere il Partito democratico. Un evento unico, ma ben organizzato. I responsabili della comunicazione democrat avevano costruito attorno alla serata fiorentina del segretario e del sindaco di Firenze una discutibile analogia con John Beluschi e Dan Aykroyd. Renzi e Bersani, i Blues Brothers del Pd. Era il primo febbraio scorso: fotomontaggi, occhiali scuri, persino la sigla «Everybody needs somebody» sparata al termine del comizio.

Doveva finire tutto così. Renzi e Bersani che siglano la pace. Il sindaco rottamatore che si mette al servizio del partito e inizia a girare l’Italia. Anche lui impegnato in campagna elettorale. Per conto suo, però. Invece Bersani ci ha ripensato. Forse convinto dai sondaggi, ha iniziato a marcare stretto l’ex avversario. Lo tampina. Sabato scorso è stata organizzata una nuova tappa insieme, a Torino. Il sito del Pd presenta l’incontro con entusiasmo: «Bagno di folla per i Pd Brothers al banchetto di via Racconigi».

Adesso si scopre che dopo il Piemonte, il tour in tandem proseguirà. Bersani sarà ancora assieme a Renzi, per la terza volta. Non un appuntamento qualsiasi, forse quello più importante di tutta la campagna elettorale. Il 21 febbraio i due saranno in Sicilia. Una delle regioni ancora in bilico, elettoralmente parlando. A Palermo Renzi e Bersani chiuderanno insieme la corsa verso il voto. Segno che anche al Pd hanno capito che per assicurarsi la vittoria è necessario dare fondo a tutte le risorse disponibili. A partire dal sindaco fiorentino, troppo a lungo tenuto in disparte.

Le polemiche degli ultimi mesi sono state dimenticate? Non tutte. Tra pochi giorni l’ex premier Massimo D’Alema sarà a Firenze per un incontro elettorale. Matteo Renzi - quella con D’Alema è stata una delle polemiche più accese durante le primarie - lo ha già accolto a modo suo. Intervenuto stamattina sulla videochat de La Stampa, il sindaco rottamatore ha tenuto il punto: «D’Alema mancherà al Parlamento? No, con tutto il rispetto non trovo. In caso contrario avrei detto cose diverse nella campagna per le primarie».  

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook