Gaetano Farina
Leggere il mondo
12 Febbraio Feb 2013 1355 12 febbraio 2013

Lavorare nel mondo del calcio

Da qualche giorno, è in libreria “I Segreti dell’Agente dei Calciatori”, il primo manuale, a marchio Mursia, per provare a diventare procuratore anche se non si è figli di un ex giocatore o di un agente già affermato. In realtà, non si tratta proprio di un manuale “vecchio stile”, bensì di una raccolta di consigli pratici offerti dagli stessi addetti ai lavori. “In questo libro, per la prima volta, gli agenti più famosi vengono intervistati non per sapere come va questa o quella contrattazione, ma per scoprire quali sono stati i loro primi passi in questo mondo, così affascinante e così difficile” conferma ai nostri microfoni Luca Talotta, uno degli autori, pilastro della redazione di Calciomercato.com.

L’altro autore è egli stesso un agente ormai affermato, quel Jean-Christophe Cataliotti che, tramite il suo Football Workshop (www.footballworkshop.it), offre periodicamente corsi per la preparazione all’esame di agente di calciatore e per gli aspiranti talent scout.
Nella prima parte del lavoro, infatti, l’avvocato Cataliotti cerca di dare risposta ai quesiti più frequenti che riguardano l'attività degli agenti dei calciatori e che emergono durante i suoi corsi, analizzando le principali norme di diritto calcistico.

Il resto delle quasi 200 pagine del libro raccoglie le testimonianze dirette di grandi professionisti del settore: quelli di "prima generazione", come Giovanni Bianchini che ebbe il merito di portare Ronaldo in Italia, quelli che provengono da altri circuiti, come Claudio Vigorelli, gli ex atleti alla Lionello Manfredonia (ex Roma e Juventus), i “figli d’arte” come Davide Lippi (socio del fratello di Giorgio Chiellini in Reset Group) o Federico Pastorello, ma anche giovani rampanti come Patrick Bastianelli e Andrea Cattoli. “Per dimostrare che questo non è un “lavoro chiuso”, dove solo pochi possono accedervi. Tutt'altro: basta costanza, sapersi vendere bene e non abbattersi alle prime difficoltà” sostengono i due autori all’unisono. Ovviamente non poteva mancare il contributo di Carlo Pallavicino, agente, fra gli altri, di Goran Pandev, che è stato uno degli ideatori della piattaforma di Calciomercato.com. Mentre all’attuale direttore della testata, il giornalista-polemista Xavier Jacobelli, è affidata la prefazione del volume. Del resto, Jacobelli, solo qualche anno fa, fece risalire le vendite del quotidiano sportivo Tuttosport puntando essenzialmente sulle notizie e “soffiate” del calcio mercato.

Il libro di Cataliotti e Talotta è sicuramente di facile e divertente lettura. Se la “sezione didattica” non ricorre a tecnicismi ed ampollosità di genere, dagli altri capitoli emergono numerosi aneddoti, alcuni simpatici, altri imprevedibili: si va da un Nakata (ve lo ricordate?) che si presenta a cena dei Tanzi con l'infradito tempestato di Swarowski ad un Kallon scovato in Svezia da un albergatore locale; e poi c'è la penna porta fortuna di Davide Lippi, il contratto di Diego Milito lanciato in area da Federico Pastorello (uno che prende 103 aerei all'anno) e molto altro ancora.


 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook