Cristina Coglitore
La creatività in carcere
12 Febbraio Feb 2013 1254 12 febbraio 2013

Novità per le produzioni di Gorgona e Porto Azzurro

Il Progetto Granducato approvato dal Ministero di Giustizia permette di esternalizzare determinati prodotti a società terze. Ed ecco che il vino prodotto dai detenuti di Gorgona interessa a Frescobaldi, che dal ‘700 produce vino in Toscana, mentre le attività abbandonate richiamano nuovi investitori.
Gorgona ospita un carcere dove sono recluse 70/ 80 persone: qui i detenuti lavorano i campi, i vigneti e accudiscono gli animali confezionando prodotti enogastronomici venduti sul mercato.
Unicoop Tirreno ha messo in vendita il pane e i dolci prodotti a Porto Azzurro, esperienza già realizzata con le orate allevate in mare aperto dai detenuti di Gorgona.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook