Nel mirino
16 Febbraio Feb 2013 1823 16 febbraio 2013

56° World Press Photo


World Press Photo of the Year, Spot News, 1st prize singles, Paul Hansen

20 November 2012 Gaza City, Palestinian Territories


Two-year-old Suhaib Hijazi and his older brother Muhammad were killed when their house was destroyed by an Israeli missile strike. Their father Fouad was also killed and their mother was put in intensive care. Fouad’s brothers carry his children to the mosque for the burial ceremony as his body is carried behind on a stretcher.

Sono usciti venerdi i risultati del concorso fotografico più popolare al mondo, Il World Press Photo, giunto alla sua 56esima edizione.

Quest'anno hanno partecipato 5.666 fotografi di 124 nazionalità diverse con un totale di 103.481 immagini inviate.



Ha per me un significato particolare il secondo premio nella categoria General News - Single images - vinto da Sebastiano Tomada Piccolomini, che ho conosciuto attraverso Photo Vogue e ho visto crescere negli ultimi due anni.

L'ho raggiunto via Skype per un'intervista che potete guardare nel video qui su Vogue.it.

L'immagine di Sebastiano che ha vinto è un pugno allo stomaco: un bimbo gravemente ferito su un tavolo di un ospedale ad Aleppo in Siria, dove i civili continuano a morire ogni giorno.

General News, 2nd prize singles, SebastianoTomada

03 October 2012 Aleppo, Syria

A severely wounded child awaits medical treatment by the small staff of doctors in one of the city's last standing hospitals, as President Bashar al-Assad's army steps up its military campaign to regain control of the city.

Ho intervistato Sebastiano per Linkiesta più volte qui, qui e qui.



La fotografia che vince invece come foto dell'anno è stata scattata dallo svedese Paul Hansen (che ha appena vinto anche il primo premio del Pictures of the year International Competition come fotografo dell'anno nella categoria Newspaper): mostra un gruppo di uomini che sostiene i corpi senza vita di due bambini nelle strade di Gaza City.

Spot News, 3rd prize singles, Adel Hana

20 November 2012 Gaza City, Palestinian Territories

Palestinian gunmen ride motorcycles dragging the body of a man who was killed earlier as a suspected collaborator with Israel. The man was one of six suspected collaborators who, according to witnesses, were forced by masked men to lie down in the street and were shot in the back of the head. The Hamas military wing claimed responsibility.

Nell'immagine di Hansen la prospettiva suggerisce l'angoscia della situazione, così come la processione di uomini rievoca un fiume carico di disperazione ad amplificare il sacrificio innocente dei due bambini.



General News, 1st prize singles, Rodrigo Abd

10 March 2012 Idib, Syria

Aida cries while recovering from severe injuries she received when her house was shelled by the Syrian Army. Her husband and two children were fatally wounded during the shelling.

L'immagine singola scelta dal WPP come foto dell'anno è, come spesso accade quando si tratta di premiare un'unica fotografia, un'immagine "iconica", uno scatto capace di riassumere e farsi metafora di situazioni complesse; e questo vale non solo per la foto di Hansen ma per molte delle immagini che hanno vinto in categorie singole: è proprio questa capacità di andare oltre la rappresentazione di un momento specifico rimandando a contenuti più grandi e universali che costituisce la nobiltà dell'immagine fissa.

General News, 3rd prize singles, Dominic Nahr

17 April 2012 Heglig, Sudan

A Sudan Armed Forces soldier lies dead in a pool of oil next to a leaking oil facility. He was killed during heavy fighting with southern Sudanese SPLA troops, after they entered the northern Sudan oil town during a brief but bloody border war between the two countries.



"I've always said that a picture should engage with the head, the heart and the stomach," parole di Santiago Lyon, vice presidente e direttore della fotografia alla Associated Press e presidente della giuria di quest'anno. "Some pictures engage on all three levels. This picture for us on the jury reached us on these three levels. It just leapt off the screen for us, repeatably."



General News, 2nd prize stories, Paolo Pellegrin

30 August 2012 Rochester, NY, USA

Several police officers search a house for an armed suspect.


The area of Rochester, New York, USA, where these pictures were taken is part of the so-called 'Crescent', a moon-shaped area that runs across several city neighborhoods. Crime rates here are significantly higher than the rest of Rochester. The Crescent is home to 27 percent of the city's residents and 80 percent of the city's homicides. The causes of the burst of violence include the lagging upstate economy, a steady migration of residents to the suburbs, and a growing number of abandoned houses prone to become centers of drug sales and use. Rochester also has a school system that performs poorly. People inside the Crescent experience those problems in greater concentration.

Anche quest'anno le solite critiche sono arrivate puntuali: le immagini che vincono sono sempre di guerra e dolore, c'è troppa estetizzazione, la foto dell'anno sarebbe per molti ritoccata, fredda, finta, i premi come il world press rovinano il fotogiornalismo spingendo verso una sensonalizzazione delle immagini, ecc

Contemporary Issues, 2nd prize singles, Esteban Felix

11 March 2012 San Pedro Sula, Honduras

The bodies of Lesbia Altamirano and Wilmer Orbera lie on the floor of a pool hall after being attacked by unidentified masked assailants in Choloma on the outskirts of the city. A wave of violence has made Honduras among the most dangerous places on Earth, with a homicide rate roughly 20 times that of the U.S. rate, according to a 2011 United Nations report.

Non vorrei ripetermi e vi rimando a un mio articolo dell'anno scorso qui di risposta ad alcune di queste critiche.

Qui vorrei aggiungere che bisogna sempre tenere presente prima di giudicare, che il World Press Photo ha una fortissima funzione divulgativa grazie alla mostra itinerante delle fotografie premiate che tocca ben 45 paesi diversi e grazie al libro, pubblicato in sette lingue diverse e distribuito mondialmente.

Contemporary Issues, 1st prize stories, Maika Elan

10 July 2011 Hanoi, Vietnam

Tran Van Chuc and Nguyen Van Dung have been together for more than one year.
Vietnam has historically been unwelcoming to same-sex relationships. But its Communist government is considering recognizing same-sex marriage, a move that would make it the first Asian country to do so, despite past human rights issues and a long-standing stigma. In August 2012, the country’s first public gay pride parade took place in Hanoi.

Le fotografie del World Press Photo non si rivolgono - solo - a un pubblico esperto di politica e fotografia, e a chi ad esempio dice basta non ne posso più di vedere fotografie della Siria o di Gaza chiedo perchè per caso si è fatto qualcosa ed oggi la situazione è risolta?

Ci sono zone del mondo in cui si soffre, molto e da anni, e nessuno ha il diritto di dichiararsi annoiato se qualcuno volesse ricordarcelo.

Spot News, 3rd prize stories, Javier Manzano

18 October 2012 Aleppo, Syria

Two rebel soldiers stand guard in the Karmel Jabl neighborhood of Aleppo. The dust from more than one hundred days of shelling, bombing, and firefights hung thick in the air around them as they took turns guarding their machine-gun nests.

Ho anche pensato che la decisione della giuria di premiare ben due immagini che ritraggono bambini morti o sofferenti sia nella direzione di alzare la posta di quanto si possa essere complici delle tragedie altrui senza fare nulla affinchè le cose cambino.

General News, 1st prize stories, Alessio Romenzi

08 August 2012 Zabadani, Syria

Flares seek to light up Free Syrian Army positions as government forces shell the village.


The civilian unrest in the Syrian Arab Republic began in March 2011 and continues to affect people, particularly in the most vulnerable segments of the population. At least 60,000 people have been killed since uprising began, according to the United Nations (UN), and the number of Syrian refugees registered by the UN in the Middle East and North Africa has surpassed half a million. The situation continues to deteriorate in villages and cities in the country, leaving people without protection, shelter, food and water and facing fear every day.

Nella fotografia di Sebastiano si possono sentire le urla di quel bambino, ferito, disperato, confuso, solo, un bambino che proprio grazie all'iconicizzazione dell'immagine singola diventa il bambino di tutti, un'immagine fortissima, dura, e al contempo semplice e universale.

Contemporary Issues, 1st prize singles, Micah Albert

03 April 2012 Nairobi, Kenya

Pausing in the rain, a woman working as a trash picker at the 30-acre dump, which literally spills into households of one million people living in nearby slums, wishes she had more time to look at the books she comes across. She even likes the industrial parts catalogs. “It gives me something else to do in the day besides picking [trash],” she said.

C'è chi dice che le fotografie non possono cambiare gli eventi, io non sono affatto d'accordo e la storia è piena di esempi che mi danno ragione, a partire dalle leggi contro il lavoro minorile e per la protezione dell'infanzia dei primi del '900 innescate dal reportage di Lewis Hine.

Sports Action, 1st prize singles, Wei Seng Chen

12 February 2012 Batu Sangkar, West Sumatra, Indonesia

A jockey, his feet stepped into a harness strapped to the bulls and clutching their tails, shows relief and joy at the end of a dangerous run across rice fields. The Pacu Jawi (bull race) is a popular competition at the end of harvest season keenly contested between villages.

Tornando alle critiche, purtroppo c'è chi ancora vorrebbe che la fotografia documentaria fosse "piatta": illustrativa, distaccata, una utopica promessa di verità assoluta che tende ad annullare il contributo umano e soggettivo del fotogiornalista che, spesso a rischio della sua stessa vita, ci rende partecipi della propria visione del mondo.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook