Rodolfo Toè
Iota
19 Febbraio Feb 2013 0902 19 febbraio 2013

Una bella foto

Danis Tanović, il regista bosniaco che con 'No man's land' ha vinto l'Oscar nel 2001 per il miglior film straniero, ha appena ricevuto l'orso d'argento alla Berlinale del cinema con il suo ultimo film, "Epizoda u životu berača željeza" (un episodio nella vita di un raccoglitore di ferro), che racconta della vita quotidiana di una famiglia rom.

I protagonisti della storia, Senada e Nazif, non sono attori. Sono due rom che vivono nel villaggio di Poljice, vicino a Tuzla. Tanović non ha fatto altro che riprenderli per riprodurre la loro vita quotidiana - quella di un gruppo nazionale che, anche per colpa dell'equilibrio creatosi con i tre "popoli costitutivi" di Dayton, è fortemente discriminato nella società bosniaca.

Nazif Mujić, il protagonista maschile, è stato premiato con l'orso d'argento per il migliore attore. Ma questo sarà difficilmente l'inizio di una brillante carriera cinematografica. Ieri Nazif è tornato a casa e ricomincerà a raccogliere ferro. Questa foto lo ritrae di ritorno nel suo villaggio, con il premio in mano.


(la foto è di Darko Zabuš per Klix.ba, la galleria completa la potete vedere a questo indirizzo).

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook