Cazza la randa
20 Febbraio Feb 2013 1457 20 febbraio 2013

Caro CdA de Linkiesta, hai fatto una grossa cazzata

Cari Soci de Linkiesta,

state commettendo un grosso errore. Per dirvelo utilizzo un canale in cui ho sempre evitato di affrontare questioni personali. E dunque so perfettamente di abusare di uno spazio che Dio solo sa fino a quando potrà ancora essere libero come lo è stato fino ad oggi.

Vi scrivo perché, sappiatelo, Linkiesta, senza Gallo, Tondelli, Fusco e altre firme che lasceranno non sarà più la stessa. Ossia un quotidiano unico in Italia e forse nel mondo. Che aveva in sé un dono preziosissimo: l'indipendenza. Cioè quella caratteristica, che assieme certo alla professionalità e dedizione di chi vi ha scritto, spiega come, in pochissimo tempo, Linkiesta abbia acquisito una invidiabile autorevolezza.

Come ho detto tante volte pure a taluni Vostri colleghi, non finirò mai di ringraziare Linkiesta per l'opportunità che mi ha dato di riscoprire il gusto di scrivere anche per gli altri. Questo è potuto accadere anche perché nel direttore e nel condirettore, in particolare, ho sempre trovato interlocutori affidabili, acuti, sensibili. Ma soprattutto giornalisti coraggiosi nel condividere con me il fortissimo desiderio di far prevalere la verità, sempre e comunque. Che è poi la missione, il senso profondo del fare informazione e dunque uno dei motivi nobili per i quali è nata Linkiesta.

Per il bene dell'informazione, mi auguro con non vogliate buttare a mare tutto quello che di buono è stato costruito in appena due anni di vita.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook