A ciascuno la sua. Racconti e ritratti di famiglie
21 Febbraio Feb 2013 2223 21 febbraio 2013

La Sacra Famiglia di Claudia Bruni

Racconta una nonna: “Ho sei nipotini, due maschi e quattro bambine, di cui, lo confesso, vado fiera. Ne parlo appena posso.” - “Ma com’è possibile i tuoi due figli ne hanno tre ciascuno? Così tanti?”, “Ma sono tutti proprio tuoi? Tuoi, tuoi?” - “ I miei due figli ne hanno due per uno. Gli altri due sono del figlio dell’uomo con cui vivo da trentadue anni…” - “ Ah, beh allora ne hai quattro insomma…”.
Dice un’altra nonna:“Quando è nata la mia prima nipotina, figlia del figlio dell’uomo con cui convivo, ero felice e molto euforica di essere diventata nonna per la prima volta… Sono rimasta molto sorpresa quando più di un amico, apparentemente aperto ai cambiamenti del mondo contemporaneo, ha pensato bene di ridimensionarmi:“Scusa ma non stai entusiasmandoti un po’ troppo? In fondo non è tua nipote…” ”Hai pensato a come potrebbe rimanerci la “vera” nonna se anche tu ti farai chiamare così dalla bambina?”.

Quanto è dura a morire nella nostra mente profonda, al di là delle dichiarate aperture, la “sacra famiglia”, quella cosiddetta “naturale” che è invece totalmente “culturale”. Quanto è ancora difficile “de-naturalizzarla” mostrandone la sua "culturalità”. La ricerca di un minimo comun denominatore tra le varie forme di famiglie ( gli antropologi dicono che sono almeno trentacinque) non ha mai portato a risultati univoci. Non esisterebbe un nocciolo duro della famiglia, un’invariante spazio-temporale. Sono le norme religiose, sociali, giuridiche, che decidono di volta in volta ciò che è socialmente legittimo. Se concordiamo che costruire legami é la costante più preziosa, duratura e universale di tutta l’esistenza umana, allora la funzione di base, la ricchezza naturale più profonda, il valore insuperabile delle famiglie in qualunque forma esse si presentino, potrebbe essere la capacità di promuovere, mantenere relazioni coinvolgenti e feconde di altri contesti relazionali.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook