Marco Sarti
Camera con vista
5 Marzo Mar 2013 1733 05 marzo 2013

Per un errore del Viminale 5 deputati devono già lasciare la Camera

Neanche il tempo di festeggiare l’elezione a Montecitorio e cinque deputati rischiano già di dover lasciare la Camera. È il triste destino di un piccolo gruppo di onorevoli, rigorosamente bipartisan, finiti tra le liste degli eletti per un errore del Viminale. La questione non è semplice, ed è tutta da dimostrare. Al centro del caso ci sarebbe il complesso sistema di attribuzione dei “resti” - i voti non sufficienti per l’elezione di un parlamentare - previsto dal Porcellum.

Del presunto errore si è accorto l’ex capogruppo Idv Massimo Donadi, oggi esponente del Centro democratico di Tabacci. Uno degli esclusi. L’ex deputato - prossimo al reintegro? - ha sollevato la questione in una conferenza stampa a Montecitorio. Assicurando di aver presentato ricorso in Cassazione e aver già avvertito il ministro dell’Interno Anna Maria Cancellieri.

Tengono le dita incrociate i cinque esclusi, pronti a tornare alla Camera. Oltre a Donadi spetterebbe un seggio al Pd Gavino Manca, al candidato di Sel Arcangelo Sannicardo e alle due berlusconiane Sabrina De Camillis e Manuela Di Centa (pronta a presidiare l’ufficio elettorale del Viminale per tutelare i propri diritti).

Resta in frigo lo spumante dei cinque candidati a un passo dall’esclusione. Il parlamentare più celebre è Walter Verini, braccio destro dell’ex segretario Pd Veltroni. Rischiano di dire addio a Montecitorio anche Roberto Capelli (Centro democratico), Florian Kronbichler (Sel). E i pidiellini Roberto Marti e Paolo Vella. Una amara sorpresa per tutti. «Davvero? - racconta stupito al telefono Vella - Al momento preferirei non commentare. Di questa storia non sapevo nulla». 

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook