StartMiUp
12 Marzo Mar 2013 1606 12 marzo 2013

Cosa insegnare a scuola? Lingue morte o linguaggi informatici?

Sabato scorso StartMiUp ha aperto le porte a una squadra insolita per uno degli spazi di coworking più tecnologici a Milano: bambine e bambini sotto i 12 anni. E’ il secondo appuntamento milanese di coder-dojo, un evento internazionale nato in irlanda nel 2011 e attivo già in 22 paesi.

Molti di loro arrivavano a malapena al bordo dei grandi tavoloni che di solito ospitano imprenditori o ingegneri informatici motivati e appassionati. Seduti sulle grandi sedie, con i piedi che non toccano terra, i bambini aprono i loro portatili. E subito gli organizzatori annunciano una delle prime regole: “bambini per oggi siete autorizzati a dare una bacchettata sulle mani a mamma o papà se si avvicinano il computer”. “yeeeeeeeee!!”. Per una volta sono loro i padroni dei mac e pc di ultima generazione con cui lavoreranno per tutta la mattinata.

Marco, un appassionato di programmazione e organizzatore dell’evento Coder Dojo Milano, apre i lavori spiegando il funzionamento di Scratch, un programma ideato dal MIT in cui è possibile creare giochi e animazioni partendo da un simpatico gattino. La spiegazione pratica tocca punti fondamentali legati alla programmazione: “dobbiamo raccontare al programma quello che deve fare: Il suono, il movimento, le relazioni con altri eventi”. Il processo è infatti estremamente logico: se volgiamo creare la storia di un gattino che camminando incontra un amico e scambiano qualche parola, dovremo spiegare al programma ogni passaggio che costruisce questo insieme di azioni. Ogni singola informazione è ugualmente importante e deve essere spiegata al programma nel modo più accurato. Solo cosi l’azione finale risulterà coerente e completa.

Apprendere le tecniche di programmazione è apprendere la logica.

Per questo imparare la “lingua” della tecnologia sta diventando sempre più importante per i ragazzi in età scolastica. Se l’obiettivo dell’insegnamento del Latino e del Greco, oltre alla conoscenza culturale della storia e della letteratura degli antichi, era quello di insegnare la strutturazione del linguaggio e la semantica, anche i linguaggi di programmazione possono portare queste conoscenze.

Chissà, forse nelle medie e nei licei di domani i vocabolari di greco e di latino verranno sostituiti da computer e programmi. Le cosiddette “lingue morte” potranno essere almeno affiancate, da “linguaggi” più che mai vivi come Java e Php?

Nell’attesa, portate i vostri bambini a Coder-Dojo! Seguite gli aggiornamenti sulla pagina Facebook di Coder Dojo Milano. Il prossimo sarà il 20 aprile, sempre presso StartMiUp!

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook