Bestie e Sovrani
16 Marzo Mar 2013 1542 16 marzo 2013

L'ennesima caduta di stile del Movimento 5 Stelle

Il movimento 5 stelle oggi ha scoperto tutte le sue debolezze in un modo che, davvero, era impossibile aspettarsi e che, probabilmente, avrà fatto vacillare molti suoi elettori (questa è la speranza nel migliore dei mondi possibili: fatto da gente che vota e pensa e non che o vota o pensa). Laura Boldrini è la nuova presidentessa della Camera dei Deputati: donna, colta, intelligente, fuori dai partiti politici, portavoce dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati e baluardo contro razzismo e la discriminazione di genere. Se non sapessimo che era candidata del centrosinistra avremmo potuto dare per certo il suo sostegno da parte del movimento 5 stelle: dalla parte del rinnovamento, delle donne e dei più deboli. Ma non è stato così, nessun voto per la Boldrini da parte di chi ha preso posto in Parlamento dichiarando che avrebbe fatto di tutto per cambiare ma, una volta avuta l’opportunità, ha deciso di continuare in quella logica da opposizione di piazza del “tutti a casa”. Il rischio di autodistruggersi favorendo l’elezione di Schifani al Senato, poi, contraddirebbe qualsiasi assunto di base del movimento stesso: incapace di comprendere che è arrivato il momento di fare qualcosa, oltre che di dirla. La cosa più grave, credo, è l’incapacità di capire che non si è responsabili solo di quello che facciamo – come sostiene in Etica Pratica (1979) il filosofo australiano Peter Singer – ma anche di quello che avremmo potuto fare e abbiamo scelto di non fare. Star fermi ad attendere il presunto inciucio PD/PDL, consapevoli che potrebbe capitare proprio per la chiusura dei 5 stelle alle proposte di Bersani, solo per poter gridare ancora una volta – “avete visto?” – è gravissimo. Molti cittadini, onesti e disperati, hanno riposto le loro speranze in un movimento che adesso rischia solo di star fermo per continuare a dire – “noi non c'entriamo”: ma star fermi a non far niente, mentre la nave affonda e lo si può evitare, significa aver dato al malato il colpo di grazia. Avvelenare le speranze stando fermi: grazie per questo rinnovamento Beppe Grillo, riesci addirittura a far rimpiangere il vecchio.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook