Alessandra di Canossa
Doppio (s)malto
26 Marzo Mar 2013 1233 26 marzo 2013

Cicciona è bella: la nuova ipocrisia del politically correct

Grasso è bello!

Pare che in Germania sia uscito uno studio secondo il quale il modello femminile sia molto diverso da quello che continuano a propinarci sui giornali e in televisione (che scopertona!)

Il famoso 90-60-90 infatti è molto lontano dalla media nazionale teutonica che pare sia 98,7 – 84,9 – 102, 9 ( che scopertona-bis! ) e quindi alcune catene di negozi hanno cominciato a fare pubblicità più, come dire, grasso-friendly.

Sarà stata una proposta della Cancelliera?

Grande risalto viene dato ad una modella dal peso piuma di 84 kg al motto: una donna normale fa vendere più di una magra e impossibile. Ora, dopo anni e decenni in cui ci hanno rotto con la magrezza irraggiungibile, ci vogliono raccontare che una donna di 84 kg è sinonimo di normalità???

La cosa più divertente è che poi per non far capire niente a nessuno, iniziano a catalogare le donne con parole anglofone molto politically correct, tipo skinny, curvy o supersize, manco fossero dei modelli di cellulare o delle hamburger da Mc Donald's!

Ma veramente non c'è proprio una via di mezzo tra le modelle-manichino e quelle “comode”? Tra quelle che come carne da macello sfilano per le passerelle di mezzo mondo con l'aria di stare in piedi per miracolo e quelle fotografate dalle riviste tedesche che sdoganano un plateale amore per i rotolini (o anche rotoloni?)

Non c'è proprio un punto di incontro tra la donna Berlusconi-style e quella Merkel-style?

Come dicevano gli antichi, In medio stat virtus… sine photoshop!

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook