Davide, Alessandro e Andrea
Failcaffè
27 Marzo Mar 2013 1540 27 marzo 2013

WSF 2013, le madri di piazza 14 Gennaio

Failcaffè propone – in collaborazione con alcune associazioni che si trovano a Tunisi – uno speciale sul World Social Forum di Tunisi che dal 24 fino al 30 marzo proverà a discutere su un mondo alternativo a questo.


Più di 4000 organizzazioni con 30000 persone provenienti da tutto il mondo si sono date appuntamento per il Forum Sociale Mondiale 2013. Il luogo non è stato scelto a caso, Tunisi è una delle grandi capitali che la primavera araba ha liberato e che rivendica un suo ruolo a gran voce.

Durante questi giorni Failcaffè ha l’onore di collaborare con una delegazione delle associazioni “Libera” e “Acmos” e della fondazione “Benvenuti in Italia”. Assieme a Pierluca Ditano, Davide Ziveri, Diego Montemagno e Leonardo Lucarno pubblicheremo foto, video e report a testimoniare le diverse voci – grandi e piccole – che incontreremo per le strade e nei luoghi del forum.

26 marzo.“Non seguire la vecchia strada di Ben Ali, cambia direzione”. Con questo slogan il gruppo anarchico percorre il corteo in direzione ostinata e contraria, nel fiume umano che si riversa pacificamente per le vie di Tunisi che sono state teatro della rivoluzione.

Il tassista però rimpiange i tempi ordinati e prosperi della dittatura, dove tutto aveva un prezzo. Ma anche la libertà esige il proprio tributo. Nella piazza rinominata del 14 gennaio dopo la fuga di Ben Ali, le madri tunisine, come in Argentina, alzano al cielo le foto dei propri figli scomparsi chiedendo al governo italiano e all’Unione Europea nient’altro che la verità. Una di loro urla: “perché non mi richiami figlio mio?”

Anche nel nostro viaggio all’incontrario amici e parenti aspettano una telefonata, solite cose, una normalità che la sofferenza ha rubato per sempre. Il silenzio del mare, il mutismo delle istituzioni e l’omertà che protegge il lavoro in schiavitù per i clandestini sopravvissuti, non offrono conforto alle madri, alle sorelle e alle figlie in piazza oggi.

Il viaggio verso il Forum Sociale Mondiale 2013 che si apre stasera con il concerto di Gilberto Gil allo stadio di Tunisi e vedrà da domani oltre 1.400 incontri e seminari ha un senso se, riavvolgendo le rotte del Mediterraneo, si incontrano le storie che affollano le strade e i crocicchi intorno agli eventi altermondialisti.

Quella che vi dedichiamo oggi è la tragica storia delle madri di piazza 14 gennaio. Dopo aver sfilato dieci giorni fa a Firenze insieme a Libera per la giornata della memoria e dell’impegno, camminare a fianco delle vittime del silenzio ascoltando oltre quella coltre la loro richiesta di giustizia, in qualsiasi parte del Mediterraneo si trovino, è quanto mettiamo nello zaino oggi.

Leggi tutti gli articoli dello speciale WSF 2013

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook