Nazionalista e ribelle
28 Marzo Mar 2013 1049 28 marzo 2013

Le nubi tornano a farsi gonfie...come i mercati finanziari

Spesso gli agenti atmosferici agiscono sugli eventi che si susseguono sulla terra e sulla psicologia di ciascuno di noi.

Non è una novità, ma è bene ricordare che alcuni studiosi ritengono che i mercati finanziari spesso siano in sintonia con i cambiamenti climatici. se c'è il sole gli operatori e i gestori sono di buon umore e comprano, se piove e c'è tempesta, vendono.

A luglio dello scorso anno una dichiarazione del governatore della BCE bastò per fare invertire la rotta delle borse costringendo i fondi speculativi (hedge funds) a chiudere le loro posizioni ribassiste (short) per girarle verso il rialzo (long) consentendo una boccata d'ossigeno almeno ai prezzi delle azioni e dei nostri bistrattati titoli di stato.

La primavera che stiamo vivendo sembra essere orientata al maltempo persino con nevicate intense anche sotto i mille metri...

E i mercati finanziari non stanno a guardare... la zona euro è in evidente difficoltà, il caso Cipro ha riaperto le porte alla speculazione internazionale e giù a vendere euro e a comprare dollari (da 1,37 di poche settimane fà oggi stà a 1,2780...) così come la sterlina inglese (0,88 vs 0,8450)

La borsa italiana ha già perso dai massimi dell'anno in pochi giorni il 15% e non si sà se sia finita, anche perchè di contro il mercato guida, ovviamente quello americano, è sui massimi storici e non sia mai che incominci a correggere pure quello.... e allora...

Le nubi dunque sono nuovamente gonfie e pronte a scaricarsi ...provocheranno una tempesta o qualcuno interverrà anche questa volta a fare tornare il sole?

La natura deve fare il suo corso "naturale" e spesso ci ha dimostrato che provare a contrastarla non serve, tutt'altro....così per i mercati finanziari... quando prendono una direzione negativa non serve puntellarli... meglio che trovino, il loro naturale, anche se doloroso, punto d'appoggio.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook