Alessandro Oliva
Viva la Fifa
3 Aprile Apr 2013 0951 03 aprile 2013

La simpatia di Beckenbauer: "Buffon pensionato". Ma è rimasto il solo tedesco a sfottere gli italiani

Ci sono due tipi di squadre: quelle che le lezioni le danno in campo e quelle che le danno fuori. Purtroppo per il calcio italiano (meno per gli anti-juventini) il Bayern Monaco appartiene alla prima categoria. La Juve - e questo è un vanto, non solo una magra consolazione - alla seconda. I bianconeri, castigati sul campo, non hanno potuto far altro che ammettere la sconfitta. Con le facce a terra (ma quella Pirlo ce l'ha pure quando solleva una coppa del mondo), i giocatori si sono inoltre addentrati nelle solite dichiarazioni di pragmatica: "Era difficile, lo sapevamo già, ma c'è ancora il ritorno". Stop. Stile Juve, quello vero. Anche il Bayern non si è comportato così male, in fondo. Ma c'è una nota che stona. Sentite Beckenbauer, dirigente bavarese: "Alaba ha tirato da 120 metri, Buffon sembrava un pensionato. Non si arrabbi, ma doveva prendere quel tiro. Forse non pensava che Alaba calciasse da lì".

Simpatico, Franz. Lo stesso che nel 2006 a Dribbling disse: "L'Italia pagherà in campo, ai Mondiali, il risvolto psicologico dello scandalo che l'ha coinvolta". "Sono certo che il caos che è scoppiato danneggerà la squadra azzurra durante il prossimo mondiale. Avranno la testa altrove, è uno scandalo troppo grosso che condizionerà sicuramente i giocatori italiani. Non si può far finta di nulla e cancellare mentalmente una cosa del genere... è la cosa più grave che si sia mai vista nel calcio mondiale". Certo la storia di Moggi non ci fece fare grande figura, ma mentre noi ce la dovevamo vedere con le sim svizzere, in Germania venne fuori che qualche arbitro si faceva corrompere con facilità non proprio teutonica. Ma c'era da capirlo, il 'Kaiser', che dall'Italia era stato scottato all'Azteca.

All'epoca, con il Mondiale in casa, la Germania era sicura di vincere. Il Beckenbauer pensiero si spostò sui soliti stereotipi: la pizza, gli italiani baffi neri attaccati al seno materno e via così. Prima della semifinale venne lanciato il pizza-boykott, poi Grosso e Del Piero ci portarono in finale e zitti tutti. Fino al 2012, quando prima dell'ennesima semifinale tra noi e loro venne di nuovo fuori la storia della pizza. "Arrivederci Italia", scrissero i giornali prima di prendere due pere (che sulla pizza non stanno benissimo) da Balotelli. 

I tedeschi forse stavolta l'hanno capita. I giornali di oggi non si sono lanciati in particolari invettive. Ma come, battete un'italiana e non infierite? Ah, ma c'è il ritorno ancora. Tranne che per Beckenbauer.

Twitter @aleoliva_84

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook