Alessandro Da Rold
Portineria Milano
6 Aprile Apr 2013 1803 06 aprile 2013

Bossi va a Pontida: sarà il primo a parlare dal palco

La scaletta degli interventi per Pontida, il tradizionale raduno della Lega Nord, è pronta. Umberto Bossi, l'ex leader, più che mai taciturno negli ultimi tempi, dovrebbe intervenire per primo dal palco. Il condizionale è d'obbligo, anche perché non è ancora chiaro a tutti se il Senatùr ci sarà o meno. Però il suo intervento è previsto. Anche se le ultime schermaglie, tra venti di scissione dal Veneto e la Lombardia, potrebbero esplodere alla fine sul pratone. Ma non è detto che alla fine la presenza del presidente onorario possa placare gli animi dei militanti. Del resto, Roberto Maroni, segretario federale, questa mattina ha bollato come «stronzate», le voci rimbalzate sulla stampa di divisioni interne alla Lega e a Pontida. Anzi, il presidente della Lombardia ha aggiunto che «non ci sarà nessuna resa dei conti. Sono cose che si inventano i giornali».

«Domani - ha detto Maroni a Radio Padania- è la grande occasione per lanciare un'offensiva vera» sui temi del Carroccio, dalla macroregione al 75% delle tasse che devono restare in Lombardia. «Non c'è spazio per nient'altro - ha aggiunto - tutte le forze devono unirsi in questa direzione. Se qualcuno ha idee diverse, va beh... si accomodi pure, faccia quello che vuole». Nella scaletta degli interventi anche il professore Stefano Bruno Galli, capolista della Lista Civica che ha permesso a Maroni di arrivare al Pirellone. Poi Flavio Tosi e molti altri. L'ulimo discorso spetterà al segretario. 

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook