Giovani europei
19 Aprile Apr 2013 2014 19 aprile 2013

Inno all'amata Italia: ce la faremo, prima o poi.

Prodi è una persone onesta. Nel 1996 ha formato forse il migliore Governo della seconda Repubblica. L'egocentrismo di uno dei personaggi più sopravvalutati della storia d'Italia, D'Alema, ha reso impossibile la normale conclusione di quel progetto. Lui e Marini hanno irrimediabilmente compromesso la storia di questo paese quel fatidico giorno del 96 complottando contro di lui. Sono dispiaciutissimo per quello che hanno fatto al povero Prodi. Da oggi ogni dubbio su questo partito si è finalmente dissipato. Certo, rimane l'Italia. In questo paese ci sono grandi persone che vanno avanti nonostante tutte le evidenze, nonostante non gli abbiamo dato nulla se non una democrazia zoppa e una classe dirigente quasi completamente corrotta e inciucista, o quasi peggio, incompetente. Tutti dico che il problema sia il qualunquismo. Il problema di questa Repubblica è il chiunquismo(termine non mio). Tutti sono convinti di possedere le capacità necessarie per poter cambiare il mondo. Chiunque può governare. L'Italia non è più quel paese gioioso. L'Italia è divenuto un piccolo e meschino paese. Eppure un giorno si riprenderà ciò che gli spetta, così come l'Europa: Il continente, per quanto ne sappiamo, più bello e antico dell'universo.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook