Massimo Famularo
Apologia di Socrate
19 Aprile Apr 2013 1528 19 aprile 2013

Prodi e l'Italia allo specchio

Un amico su FB diceva "che vi frega di Prodi presidente della Repubblica (pdr) ?" Se vi leggete la costituzione il pdr è una specie di notaio che fa Public Relations, non è uno che ha il potere di mettere nuove tasse o fare riforme, inoltre Prodi porta fortuna quindi perché no?
Qualcun altro gli ricordava, che specialmente nel caso di Napolitano,è possibile che il presidente eserciti un'influenza ben maggiore rispetto al dettato costituzionale ecc. ecc.

Il Presidente della Repubblica è il Capo dello Stato e rappresenta l'unità
nazionale.

Rimaniamo su questo e consideriamo che Romano Prodi :

  • deve il proprio successo professionale politico alla capacità di creare e mantenere relazioni piuttosto che a quella di innovare o di assumersi dei rischi
  • ha lavorato quasi sempre nel settore pubblico ed è favorevole a un ampio intervento dello stato nell'economia (leggete)
  • preferisce la comodità dello status quo, accettando il cambiamento solo quando diventa inevitabile dunque non si può definire un rivoluzionario
  • last but not least è cattolico (detto senza alcuna accezione meritoria o denigratoria)

Io quando mi guardo allo specchio potrei anche volermi vedere più alto, più bello e più intelligente (eh sì,si vede dallo sguardo) però mi sono rassegnato a vedermi per quel che sono.

Sicuri che se il nostro paese potesse in qualche modo guardarsi allo specchio vedrebbe qualcosa di molto diverso da Romano Prodi?

@massimofamularo

Linkedin

Blog

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook