In Vespa e libertà contro le mafie
21 Aprile Apr 2013 2249 21 aprile 2013

Splendido quarantenne

UniAmiamo l'Italia in Vespa e libertà offre attraverso i nostri percorsi di vita, prima di tutto, una riflessione generazionale . Gli errori che abbiamo commesso e le responsabilità che ci siamo assunti. E il senso del nostro andare.

Dentro questi percorsi si possono riconoscere milioni di storie che non pensiamo di rappresentare ma a cui vorrremmo con urgenza sollecitare che è arrivata l'ora di assumere l'iniziativa e il protagonismo nell'impegno politico e sociale.

Non possiamo assistere passivamente, alla distruzione sostanziale della nostra democrazia con un atteggiamento qualunquista e disfattista, figlio dello "sconfittismo" acuto dei non più giovani e non ancora vecchi di oggi. O meglio dei mai stati giovani e vecchi da sempre. Quelli che come in Caro Diario si sento abbruttiti, sconfitti. Quelli che anche l'Optaligon non è più quello di una volta. Che rinnegano cosa sono stati, in cosa credevano giusto lottare e rivendicare. Ecco. Quelli non siamo noi. E con noi sono in tanti.

Occorre muoversi. Lo dobbiamo, ai nostri genitori, ovvero a coloro che ci hanno restituito un paese migliore di come l'hanno trovato e lo dobbiamo anche ai nostri figli chi ci guardano oggi sperando di ricevere altrettanto da noi.

Noi ci sentiamo degli Splendidi 40 enni e con questo progetto lo stiamo dimostrando.

In pochi mesi si è visto come 4 amici possono, se decidono, fare molto. Non per sè stessi ma per il bene comune, nel segno della speranza.

Gli spazi vuoti in politica non esistono. E considerato che il tasso di resistenza della memoria collettiva in Italia sia abbastanza modesto è evidente ricordare che quando ci sono vuoti nel sistema della rappresentanza gli stessi vengono occupati velocemente da chi ha interesse a destabilizzare, a controllare a modificare il sereno e libero funzionamento dei sistemi democratici.

In questo momento storico così complicato per il nostro paese auspichiamo che questo nostro viaggio, possa, pur nella sua parzialità, contribuire a sviluppare una giusta riflessione di responsabilità a noi tutti.

Non a caso la prima tappa terminerà a Novi di Modena e ha come titolo l'Albero della speranza la scossa del Cambiamento.

Qui il programma della Mi-Partenza http://mi-pa.it/th_event/inizia-il-viaggio/

Un abbraccio in Vespa e libertà.

linkiestiamoci su www.mi-pa.it

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook