Alessandra di Canossa
Doppio (s)malto
30 Aprile Apr 2013 1411 30 aprile 2013

Allarme disoccupazione per Vento e Minetti

Come si sa, in momenti di grave crisi economica internazionale, anche in Italia purtroppo la percentuale di forza lavoro in cerca di una nuova occupazione è in aumento.

Tra tutte le categorie in difficoltà, ce ne sono alcune che chiaramente vengono maggiormente penalizzate dallo status quo, i giovani.

Sono tanti i giovani laureati, ben formati, magari anche con un master all'attivo che non trovano granché in giro se non qualche stage pagato da fame (ammesso che venga pagato).

Bene, tra questa caterva di giovani in cerca di lavoro, due figure possono destare particolare preoccupazione. Ormai non basta più cercare lavoro al centro per l'impiego o nelle agenzie interinali, quindi le due suddette figure, che rappresentano (sic) la gioventù di oggi, hanno fatto di più: un appello sulla stampa e sulla televisione.

Ecco, sto parlando di Flavia Vento e Nicole Minetti. La prima è andata in una nota trasmissione di Barbara D'Urso su Canale 5 e pare abbia asserito in modo estremamente accorato: “Anche lavori più umili, in questo periodo storico, bisogna cercarli… Anche la dog sitter, la baby sitter. Siccome io la mantenuta di un uomo non la farò mai, preferisco lavorare e avere i miei soldi. Dovete trovarmi un lavoro” … ah, che raro esempio di onestà!

La seconda affermerebbe in un'intervista: “Ho 28 anni e vedo la mia vita rovinata. La mattina mi sveglio e non so che cosa fare. Mi manca avere la testa occupata, mi manca il fatto di potere lavorare”… altro esempio di saggezza giovanile!

Ebbene, ve ne prego, troviamo un lavoro per queste due, non credo che il calendario o la pensione da consigliere regionale possan bastare per il loro trend di vita!

Magari un lavoro all’estero, lontano da Via Olgettina e Villa Borghese, lontano dai mezzi di comunicazione in modo tale che non possano più rifilarci le loro perle di saggezza, lontano dall'italica crisi economica, lontano dalle nostre orecchie che non ne possono più di sentire le loro cazzate (scusate, ma quando ci vuole, ci vuole)…

Per la foto sul CV, avrei un paio di consigli. Troveranno lavoro? E in quale settore?

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook