Pierluigi Argoneto
Le Argonautiche
2 Maggio Mag 2013 1609 02 maggio 2013

Un generatore automatico di programmi elettorali

In genere gli elettori, periodicamente scoprentisi società, si differenziano in tre gruppi: quelli che “ti voto perché ti conosco, ma figurati”, quelli che “voto te perché di quegli altri non se ne può più”, quelli che “sì, ma che vuoi fare”?

Per quest’ultima categoria, che rappresenta una insignificante minoranza, dovrebbero correre in soccorso i programmi elettorali. Ebbene, per affinità emotiva ed intellettiva con questi ultimi disperati, e dopo aver approfonditamente letto le “intenzioni” amministrative ufficiali, ho trovato stimolante farne un brevissimo resoconto linguistico, per il mio e vostro sollazzo.

Estrapolando i concetti e le frasi più ricorrenti, ne è uscita una tabella che costituisce una vera e propria macchina per la generazione automatica di programmi elettorali. Infatti, mediante questa tabella, è possibile sviluppare un numero impressionante di frasi (qualche milione) che dicono tutto, e dicono niente.

Per una semplice verifica vi suggerisco di scegliere a caso uno dei soggetti della prima colonna, facendo poi seguire uno qualsiasi degli elementi della seconda e così via, per tutte le rimanenti.

Si otterrà sempre una frase che, pur avendo un senso compiuto, risulterà priva di qualsiasi logica, esempio eclatante di un certo linguaggio tipico dei politici (o aspiranti tali) di ogni risma, che andrebbe quanto prima eliminato.

Qualcuno della cocciuta minoranza a cui facevo prima riferimento, potrebbe ancora chiedersi: ma oltre al già confuso “cosa”, esisterà un accenno al “come” le cose proposte potranno essere realizzate?

Ecco che qui la partecipazione dal basso diventa concreta: cari elettori, se volete una risposta scrivetevi da voi stessi un’altra colonna. E metteteci una croce sopra.

Rif. Prof. Marco Marchi e Prof. Piero Morosini.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook