Percentuale
17 Maggio Mag 2013 1227 17 maggio 2013

Una Call dell’International Labour Organization

Secondo ILO’s Global Employment Trends for Youth 2013, la stima dei giovani disoccupati per questo 2013 sarà di 73.4 milioni, ovvero circa il 12.3% fuori dal mondo del lavoro. Un dato in crescita che arriverà nel 2018 al 12,8 %. Purtroppo tale scenario rappresenta un incentivo all’occupazione temporanea e un inno alla bassa qualità del lavoro.

Come ricorda José Manuel Salazar-Xirinachs, ILO’s Assistant Director-General for Policy, dal grafico sopra riportato si deduce la necessità di investire in politiche giovanili e di migliorare il collegamento tra le università e il mondo del lavoro.

A ribadirlo è Gianni Rosas, coordinatore del ILO’s Youth Employment Programme, il quale sottolinea che non esiste una “one-size-fits all” solution, ma cinque macro aree globali (macro-economic policies, employability, labour market policies, youth entrepreneurship and rights) da dover adattare alle diverse realtà nazionali e locali.

L’International Labour Organization, in questa sua “call for action”, fa emergere l’urgenza di un intervento istituzionale con politiche macroeconomiche, incentivi fiscali per promuovere nuovi investimenti produttivi e programmi specifici in grado di garantire un trattamento equo tra i giovani lavoratori.

Guardate l’intervento di Gianni Rosas : http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=YTZeNkfKjv8

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook