Alessandra di Canossa
Doppio (s)malto
31 Maggio Mag 2013 1528 31 maggio 2013

Jesolo non caccia gli abusivi ma le donne

Una delle prime e più bizzarre polemiche litoral-balneari?

A Jesolo, pare che FederConsorzi abbia deciso che le pattuglie anti abusivi sulle spiagge, altrimenti detti beach steward, quest'anno potrebbero essere formate solo da maschi. Le donne, si è detto, non hanno abbastanza autorità per poter controllare con un certo successo gli avventori illegali delle medesime spiagge.

Pare infatti che coloro che affollano i litorali durante l'estate, che vogliono vendere qualsiasi tipo di ammenicolo, dalle borse finto Fendi alle scarpe finto Tod's, dagli occhiali da sole all'ultima moda fino agli asciugamani, altrimenti detti Vucumprà, o più politically correct venditori abusivi da spiaggia siano in maggioranza di religione musulmana, e quindi non apprezzino di essere redarguiti dal gentil sesso.

E quindi? Per risolvere il problema, quale genialata hanno pensato?

Vietare l'accesso alle spiagge ai Vucumprà, che se proprio dobbiamo essere precisi, vendono illegalmente ? Troppo facile…

Fargli le multe? Ma và…

Pensare ad un modo per non far vendere i venditori abusivi? Neanche…

Hanno pensato di eliminare il problema all'italiana: fuori le donne, dentro i vucumprà irrispettosi!

Cosa? Fatemi capire bene: noi, in Italia, stato laico e democratico, non vogliamo offendere dei venditori ambulanti musulmani che vendono illegalmente sulle nostre spiagge e quindi li agevoliamo con dei vigilantes maschi perché loro le donne non se le filano???

Alla faccia delle quote rose, oggi si sono resi conto che forse questa regola non era poi così corretta e quindi si titola: da domani in spiaggia anche le ragazze!

Chissà cosa ne penserebbe Pamela Anderson? Chissà cosa avrebbe fatto lei in presenza di vucumprà illegali sulla sua spiaggia?

Forse lei sì che avrebbe trovato il modo di farsi rispettare, con o senza bikini… pardon, burkini! 

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook