L’accattone
3 Giugno Giu 2013 0817 03 giugno 2013

Gli ebook non si possono citare

Pare uno scandalo eppure non riesco a trovare risposta a questo strano dilemma. Gli ebook non hanno i numeri di pagina. E, dunque, non si possono citare. Ammettiamo che una persona a caso compri un ebook sul suo Kindle con l’intento di studiarlo: un saggio accademico. Capita sempre più spesso che i libri universitari, convenga comprarli in formato digitale: ottimo metodo per portarli in giro con risparmio di peso e prezzo. Ma ammettiamo anche che questo libro ci serva per citarne dei passi. Il Kindle ci mette di fronte a delle imbarazzanti percentuali. Niente numeri di pagina perché cambiare il font dei caratteri basta per modificare l’intera struttura del testo. E una percentuale ha poco senso se il libro fa più di cento pagine. Certo, anche i libri cambiano a seconda delle edizioni, ma la geniale (è cio’ che sembra ora) invenzione del numero di pagina, permetteva di localizzare facilmente la frase cercata. La separazione tra il supporto e il contenuto operata dal digitale, porta a questo risultato sconfortante, non tanto per il medium stesso, l’ebook è straordinariamente pratico, quanto per l’assurdo che nessuno ci abbia ancora pensato.
Le regole accademiche in materia sono insoddisfacenti (vedi qui) e chi si è posto la questione non mi pare abbia dato risposte adeguate (qui si parla di un misterioso “location number” che è chiaramente da inventare). Spero che i nostri geniali tecnoentusiasti trovino al più presto una soluzione a questo problema sconcertante nella sua banalità (alla fin fine si tratta giusto di mettere un equivalente dei numeri di pagina nei formati digitali).

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook