Alessandra di Canossa
Doppio (s)malto
6 Giugno Giu 2013 1707 06 giugno 2013

La Idem vuole lo ius soli o una nazionale imbattibile?

Josefa Idem nasce a Goch in Germania, il 23 settembre 1964. Si è trasferita in Italia nel novembre 1988. Residente a Santerno (Ravenna) e sposata con Guglielmo Guerrini dal 1990, che dal 1989 ne è anche l'allenatore, dal 1992 è cittadina italiana.

Dopo una vita, e nel suo caso si può dire, dedicata alla canoa, diventa Ministro per le pari opportunità,dello sport e delle politiche giovanili del governo Letta.

Una delle sue ultime battaglie è riassumibile in questa parte di intervento dinanzi alla Commissione cultura della Camera: "L'Italia deve favorire l'acquisto della cittadinanza per gli atleti stranieri che si sono distinti per alti meriti sportivi".

Quindi, facendo un rapido calcolo, se salti più in lungo o più in alto degli altri, se vai più veloce degli altri, se ci metti meno tempo degli altri, allora sì che puoi acquistare la cittadinanza italiana. 

In breve Mario Balotelli sì, ma il figlio del sig. Hu no!

Ma cos'è? Una campagna acquisti o una discussione sulla cittadinanza?

Capisco che da qualche parte bisogna pur cominciare, ma questa proposta è perfetta per il Ministro dello Sport che sembra voler ridare smalto ad un (forse) appannato sport italiano; non molto per il Ministro delle Pari Opportunità!

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook